Le strane abitudini dell’imperatrice Sissi

 

di Sara D’Andrea

Bella amata e famosa, questo è il modo in cui ricordiamo uno tra i personaggi storici più celebri di sempre: Elisabetta D’Austria, ovvero l’imperatrice Sissi.

Sissi è ben nota per essere eccentrica e con un’indole indipendente ma ho recentemente scoperto che, dietro la sua figura, si celano interessanti aneddoti e strambe abitudini: sembra infatti che la sua attenzione per la forma fisica e la bella presenza la portasse ad eseguire lunghi ed estenuanti rituali di bellezza affiancati a sfiancanti sessioni di sport.

Empress_Elisabeth_of_Austria_in_dancing-dress,_1865,_Franz_Xaver_Winterhalter
Sissi in uno dei suoi ritratti più famosi, in abito da sera, 1865, opera di Franz Xaver Winterhalter (Wikipedia)

L’ideale di bellezza femminile di quel tempo era rappresentato da dame con le curve morbide, accentuate ancora di più da vestiti gonfi e larghi, Sissi invece ricercava la magrezza e ricorreva ad ogni stratagemma per ottenerla.

Le sue giornate iniziavano molto presto con un bagno di acqua ghiacciata a cui seguivano circa tre ore per vestirsi: gli abiti le venivano cuciti addosso per enfatizzare la magrezza del suo corpo e la sottigliezza del suo vitino da vespa; subito dopo era il turno dei capelli -li portava lunghi fino alle caviglie- che venivano pettinati dal parrucchiere nella sua famosa acconciatura a corona.

Empress_Elisabeth_of_Austria
In un altro ritratto di Franz Xaver Winterhalter (Wikipedia)

Siccome l’attività fisica è indispensabile per un fisico snello, le sue giornate erano intrise di sport: ogni palazzo che frequentava era fornito di una palestra privata a sua disposizione con anelli sbarra e pesi, si dedicava a faticose passeggiate nei boschi che mettevano a dura prova le dame di compagnia e praticava lunghe cavalcate e lezioni di scherma.

Per quanto riguarda la dieta, rispettava un ferreo regime alimentare che consisteva in pasti esigui e ad orari irregolari; manteneva la propria bellezza facendo ricorso a maschere notturne di carne di vitello o di fragole e fasciandosi i fianchi con bende inumidite nell’aceto per poterne mantenere la sottigliezza.

L’imperatrice Sissi era alta 1,72 m e pesava 50 kg e, per questo e per le sue abitudini, molti storici pensano che soffrisse di anoressia nervosa, causata probabilmente dallo stress per la vita di corte, che sembrava scomparire appena si allontanava da Vienna.

Questi aneddoti ci fanno capire come la sua storia sia molto diversa dal ritratto che i film e i cartoni dipingono e, nonostante fosse una donna amata ed ammirata dal popolo, era infelice, perché purtroppo non è tutto oro quel che luccica.

Fonti e crediti immagini:

  • Wikipedia (link)
  • tutto.baviera.it (link)
  • blog.cliomakeup (link)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo