Il verde vascello

O dolce mio nobile delirio

d’estasi agostina,notturno piacere

chimerico dell’oggi, tepor di ieri!

Il verde vascello solcava la burrasca

dell’essere mio più ebbra di pacieri ascòsi,

che dalle viscere dell’Essenza

slanciavansi come fiori gentili da cogliere

ed amare, amar deliziosamente.

Musica d’altri tempi stroboscòpica, amante

perversa di viaggi nel solleone esotico

e nel ghiaccio putrefatto dei vermi interiori,

che tripudio di voci e colori freschi,

che gazzarra di piroette immaginate,

saporite di vita, vita giusta!

E tutto poi s’immola alla mattanza

di sua maestà il tempo che tutto guasta..

 

 

 

crediti immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie