Ernia, al secolo Matteo Professione, è un rapper di Milano (e se non lo conoscete, sappiate che ne abbiamo parlato anche qui). Fiero esponente della zona del QT8, mette nella musica due lati opposti del suo carattere: da una parte è goliardico, arrogante, mentre dall’altra mostra un animo fortemente introspettivo. Riesce a far spesso coesistere queste due sfaccettature della sua personalità, riuscendo ad essere versatile e, come dice lui stesso nel famoso featuring con Gué Pequeno Disgusting “così ignorante dentro un pezzo, invece così acculturato dentro quello dopo”.

Amicizia e gratitudine: gli amici Tedua e Rkomi

Per Ernia l’amicizia è fondamentale, e non ha problemi a mostrare la sua riconoscenza nei confronti di chi gli è stato accanto durante gli anni di crescita, gioendo con lui dei suoi successi, ma soprattutto di chi non ha mai smesso di credere in lui quando le cose non andavano per il verso giusto.

Già, perché per Ernia il successo non è arrivato subito, nonostante venisse da una buona famiglia e avesse più possibilità dell’amico (ormai ex) Ghali, ad esempio. La gavetta lo ha accompagnato per anni, fino ad arrivare a pensare di non uscirne mai, tanto che per un periodo l’artista aveva deciso di lasciar perdere e dedicarsi ad altro. Ernia è grato all’ amico di vecchia data Tedua, con cui canta Bro, contenuta nel suo ultimo album. Il duetto si trova anche nella bellissima Novità, con Rkomi, dove Tedua dolcemente canta:

Così conobbi Ernia e iniziai a dar la merda in freestyle
Mocciosi in erba, no light
Solo che a Zena mi trasferii, pensato quanto soffrii
Però più forte tornai
Fu così che Rkomi mi aprì le porte di casa
E nei blocchi sui balconi cercavamo rivalsa.

Lei No (Il Tradito)

Eppure, nel novembre 2017, esce Come Uccidere Un Usignolo (67 Edition). Il titolo della tera traccia è Lei No (Il Tradito), che poi diventerà una canzone iconica immancabilmente acclamata nei live di Ernia. Lei No racconta il tradimento di un amico: non a caso con le prime barre Ernia afferma di essere stato deluso da una persona a lui molto cara, tant’è che le dice:

Non pensavo tu potessi farmi questo
Dimmi come dovrei comportarmi con te adesso.

Il brano è chiaramente autobiografico. L’amico, infatti, “ha guardato la sua unica”. Ernia dichiara in molte canzoni e interviste di aver amato una donna per tanto tempo, alla quale sarà legato per sempre, che è infatti intoccabile. Il testo continua poi con un excursus della storia dell’amicizia con questa persona, cita le differenze di classi sociali tra i due (che non sono riuscite a indebolire il loro legame), le scuole diverse (da una parte il liceo e dall’altra il professionale), e il fatto che l’amico durante l’adolescenza abbia iniziato a vendere droga, per poi concludere la strofa con:

E ora piango nella stanza e fa male
Le persone più vicine a volte han lingue come lame.

Nella seconda strofa Ernia è profondamente amareggiato dal fatto che quello che lui considerava un amico vero, d’infanzia, abbia conquistato la sua ragazza storica. Le belle immagini dell’infanzia passata insieme quindi crollano in un attimo, perché tutto quello che riesce a vedere è che “la baciano le labbra che lo chiamavano fratello”. Arriva addirittura a dubitare di ogni amicizia possibile:

Da piccolo dicevi che ero il tuo amico del cuore

Ora penso che ogni amico è un possibile traditore.

Il ritornello rimbomba nella testa dell’ascoltatore: quel continuo “tutte ma lei no” non fa altro che ricordare continuamente quanto quella ragazza fosse importante per lui e quanto sia deluso dal comportamento dell’amico, che non verrà mai più perdonato. Le ultime barre sono infatti:

Non ti colpisco ma nemmeno ti perdono
Sarebbe giusto ma non sarebbe l’uomo che sono
E c’è qualcuno tra di noi che ti giustifica
Tienitelo stretto attento, perché ti imita.

Si conclude così il testo di Lei No, che ci lascia di certo con l’amaro in bocca. Tuttavia una nota positiva è dato dal fatto che Ernia non dà mai la colpa di quello che è successo alla sua ex fidanzata, atteggiamento che di solito è molto inflazionato nel rap game. L’artista si aspettava un comportamento diverso da un amico, che sapeva perfettamente il forte sentimento che provava – e forse prova ancora – per quella persona. Questo è per Ernia il vero tradimento.

 

FONTI

Wikipedia

CREDITS

Copertina