Siamo cresciuti sentendoci ripete fino allo sfinimento la solita super ipocrita frase “l’abito non fa il monaco”, ci hanno infarcito di prescrizioni su quanto sia scorretto e disdicevole etichettare le persone in base ai vestiti che indossano, ci siamo puntualmente sentiti bacchettare ogni volta che ci è sfuggito qualche commento a riguardo e siamo sempre pronti, noi stessi per primi, a fare un commento di rimprovero agli altri quando sono loro a lasciarsi sfuggire qualcosa.

Onestamente parlando, quanti di voi credono che il modo di vestire non sia largamente eloquente sul modo di essere della persona che lo adotta? E soprattutto, è una cosa poi così terribile?

Questa (spesso incredibilmente simulata e ipocrita) allergia alle etichette presuppone chiaramente che questa catalogazione basata sull’abbinamento look-personalità sia sbagliata e negativa, ma dove sta scritto che il giudizio che ne deriva sia per forza negativo o denigrante?

Il fatto che chi abbiamo davanti indossi certi indumenti, certi accessori, non può non condurci a delle deduzioni e, in un certo senso, è proprio per questo che vengono scelti.

770ef04f69e942d27c463019b634e894

Tutti noi selezioniamo: ogni mattina davanti all’ armadio quando dobbiamo scegliere cosa indossare, ogni volta che siamo a fare shopping e dobbiamo decidere cosa comprare, ogni volta che  facciamo ordine o il cambio di stagione e dobbiamo scegliere cosa buttare e cosa archiviare. Il criterio che si usa in questa selezione è quello di optare per qualcosa che ci rappresenta, che ci faccia apparire per come ci sentiamo, che faccia intendere, più o meno esplicitamente, qualcosa di noi. E’ allora chiaro che, se veniamo decodificati e decodifichiamo, pur superficialmente, l’abbiamo messo tutti in conto ed è anzi una cosa sperata e voluta.

E’ il mezzo più immediato per lanciare un messaggio. Dagli esempi più estremi a quelli più semplici e coinvolge tutti. Non si pensi infatti che a curarsi del proprio look siano i soggetti modaioli e sempre in perfetto ordine! L’antropologia culturale ci insegna che il modo in cui ogni uomo si presenta è il risultato di alcuni fattori culturali che lo portano a fare determinate scelte, volutamente conformi o no ai dettami del suo contesto. In questo ordine di idee, anche l’opzione di restare completamente anonimo, non scegliere nessun segno distintivo, implica che il soggetto prenda una posizione e che mandi quindi un messaggio.

article-2274391-17613ACA000005DC-340_634x791-e1381954999925

E’ allora il caso di ammettere che l’abito il monaco lo fa eccome e, soprattutto, che dobbiamo smetterla di vergognarci di ammettere che sia così.