Distanti fruscii

Tu eri un rannuvolarsi

su letti di liquido cielo

Pioggia immobile sull’erba

Linea di tiepide, molli onde

Luci gettate nel mondo

all’ombra di chi all’intorno

ne rifrangeva i frantumi

Veleno da versare

dentro creduli versi

Ora d’ozio, ora d’amore

in un vuoto senza fine

 

 

credits

 

 

 

di Ivan Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.