Amici amici e poi ti decorano la bici

Questa volta il famoso detto sostituisce ”rubano” in favore di un verbo sicuramente più piacevole, creativo ed anche green. Quante volte girando per le strade della città troviamo biciclette abbandonate, inutilizzabili perché ormai arrugginite dalle intemperie o peggio ancora private di  molte parti, come ruote o selle. Aarhus, nominata capitale della cultura del 2017, è la seconda città più popolata della Danimarca;  è situata sulla costa orientale in corrispondenza della foce del fiume omonimo e la sua etimologia in danese antico significa appunto “foce del fiume”. Ed è proprio nata qui, nella zona del quartiere latino, l’ iniziativa di un gruppo di ragazzi di trasformare le biciclette abbandonate, in piccoli giardini ed orti urbani che sfruttano cestini e portapacchi come vasi e cassette di piante, fiori ed erbe aromatiche. Questo progetto si chiama “Cykelhaver”, ossia “giardini della bicicletta” ed aggiunge un ulteriore tocco pittoresco alla tipica architettura ”da casa delle bambole” che caratterizza queste zone, ripulendo le strade dai rifiuti antiestetici e contrastando l’inquinamento.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwjWpoCYuPzMAhVDQBoKHQXsC-AQjRwIBw&url=https%3A%2F%2Fit.wikipedia.org%2Fwiki%2FAarhus&bvm=bv.123325700,d.d2s&psig=AFQjCNGXh2S2A_zZmAM5oLmiJwGd3I628w&ust=1464513527271184

A tal proposito viene spontaneo riflettere sulle innumerevoli volte che ci siamo lamentati della sporcizia e del degrado delle nostre strade, di progetti mal sfruttati o spazi pubblici disorganizzati. In questo caso la Danimarca è celebre per il suo grandissimo uso di biciclette, già green di per sé, e dunque si è occupata di una questione vicina alla sua quotidianità. Oggi potrebbe essere arrivato il nostro turno.

come-creare-un-vestito-con-carta-di-giornale_6ce19099bf0ba8bd2723c8e002b1540f
https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwizxoP2uPzMAhVMtRQKHarhAysQjRwIBw&url=http%3A%2F%2Ffaidatemania.pianetadonna.it%2Fcome-creare-un-vestito-con-carta-di-giornale-225898.html&bvm=bv.123325700,d.d2s&psig=AFQjCNEDbe2o-_NxUVFHkO9rszdebWLXww&ust=1464513720868048

Milano è la capitale della moda, del design: perché non creare un vero e proprio supermercato che contenga esclusivamente negozi di merce realizzata con materiali riciclati? Sarebbe un paradosso tanto divertente quanto provocatorio aprirlo magari proprio di fianco al gigante appena sorto ad Arese. Boutiques di vestiti di seconda mano o altrimenti, per i brand più ricercati, direttamente realizzati in carta da macero e plastica . Per quanto riguarda il mobilio invece, sono innumerevoli gli oggetti che vengono abbandonati sulle strade ogni giorno. Al di là dello squallore di chi finge di non avere neanche il tempo per portarli almeno in una discarica,  divani, comodini e credenze che sostituiamo come bambini viziati per far posto all’articolo più “in”, sono perfettamente ancora utilizzabili.

Sicuramente se adottassimo pratiche più ecologiche in ogni caso, utilizzando meno la macchina e più le biciclette come i nostri amici danesi,  le nostre vie non diventerebbero caratteristiche come quelle di Aarhus, ma i nostri polmoni e la nostra salute ne gioverebbero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.