Al termine di un altro giorno.

Di Serena Riva

    Le sagome della città

    muoiono con il sole calante

    dietro una nebbia grigia

    calano le tue palpebre stanche.

    Nella tua casa riposi

    segnato dalle intemperie del giorno

    turbato dalla vuotezza degli attimi.

    Calano le palpebre stanche

    provate d’aver visto

    cose che non volevano

    che non potevano.

    Riposi

    nell’illusione della pace

    scappi dalla realtà

    vorace

    fugace

    fornace,

    di corpi

    di steni

    di volti

    e di menti.

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie