12:34 am
13 dicembre 2017

Il Royal Military Tattoo: un festival di Edimburgo

Il Royal Military Tattoo: un festival di Edimburgo

Edimburgo, conosciuta come la città dei festival, non si fa mancare occasioni per attirare visitatori da tutto il mondo, specialmente nel mese di agosto: Art Festival, International Festival, Fringe Festival sono solo alcuni esempi offerti dalla capitale scozzese ai suoi ospiti. Ma tra tutti i festival che ce n’è uno particolarmente importante: il Royal Military Tattoo.

È uno degli spettacoli più famosi e seguiti di Edimburgo. Si svolge per tutto il mese di agosto (nel 2017 si è svolto dal 4 al 26). In questo festival si esibiscono bande militari appartenenti agli eserciti del Regno Unito, ma l’evento si è talmente allargato da richiamare eserciti anche dal resto del mondo (la Fanfara dei bersaglieri vi ha partecipato ben due volte).

L’origine del nome di questo festival risale al passato, e in particolare alla Guerra dei Trent’anni quando l’esercito britannico, stanziato nei Paesi Bassi, sentiva i tamburi dell’esercito olandese annunciare la fine della serata per i soldati: questa parata serale era nota come doe den tap toe(lett. “chiudete i rubinetti”), pronunciato “tap-tu”, da cui “tattoo”. Esso era il segnale dei locandieri di smettere di servire la birra ai soldati, perché potessero essere pronti alla battaglia il giorno dopo. L’esercito britannico adottò questa pratica di far annunciare alla banda la fine della serata per i soldati. Il termine “tatoo” passò poi ad indicare una cerimonia in cui si esibivano i musicisti dell’esercito, ma il festival come lo conosciamo oggi nasce nel 1949 e il termine “royal” è stato concesso al festival solo nel 2010 dalla regina Elisabetta II, nel corso del suo 60° anniversario.

Musiche, danze e marce militari dominano questo evento, che attira ogni anno migliaia di spettatori da tutto il mondo. Ma per chiunque visiti Edimburgo e vuole parteciparvi un avvertimento: non arrivate all’ultimo momento! I biglietti infatti vanno a ruba, tanto che c’è chi si attiva da Natale dell’anno precedente. Partecipare è costoso, ma ne vale la pena: ogni anno le esibizioni sono diverse e lo stesso discorso vale per i temi affrontati, che vanno dalla natura alla tradizione e che spaziano dalla Scozia al mondo intero.

Eccezionale è il luogo in cui l’evento si svolge: un’arena moderna dalle enormi gradinate, costruita proprio nella spianata del castello. La struttura, che ha una capacità di 8600 spettatori, viene montata in circa un mese e altrettanto tempo occorre poi per smontarla, ma ne vale la pena: durante agosto vi si svolgono circa 25 spettacoli, per un totale di 217.000 spettatori!

 

FONTI:

scoziatour.com

scoziatour.com

 

Imagines: copertina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *