Ogni anno, Fjord, frutto del lavoro di Accenture Interactive, definisce le tendenze dell’anno. La ricerca è ora alla 13esima edizione, con 1200 professionisti del settore. E dall’analisi emergono ben sette trend, che stabiliscono le nuove strategie di mercato e cavalcano le attuali dinamiche sociali. E il Covid-19 non è assente. Infatti, se lo scoppio della Pandemia da una parte ha messo a dura prova il sistema politico, economico e sanitario, dall’altra ha spinto le aziende alla ricerca di nuove  e promettenti tecnologie per superare le difficoltà.

Si pensi al passaggio che molti di noi hanno dovuto vivere, da un basso utilizzo di applicazioni per chiamate video, quali Zoom, al ritorno delle monete digitali.

Abbiamo moltiplicato il nostro uso di supporti tecnologici per relazionarci. Così Zoom è salito da 10 milioni a 200 milioni di partecipanti al giorno nell’arco di tre mesi. Al contempo gli strumenti per creare realtà sintetiche e avatar virtuali stanno crescendo e si inizia a vedere come le nostre identità già esistenti online e sui social possano prendere forma 3D.

(Ashley Benigno, responsabile di Fjord in Italia)

Al centro della discussione vi sono le nuove esigenze dei consumatori. La crisi del capitalismo e la necessità di dare risposta a nuovi valori hanno spinto le aziende a doversi ripensare in un contesto quale quello attuale. Non stupisce pertanto il passaggio da “user- centred design” a “life-centred design”: un approccio più sistemico e consapevole allo sviluppo dei nuovi prodotti (benigno).

It’s time for a new capitalism – a more fair, equal and sustainable capitalism that actually works for everyone, and where businesses don’t just take from society, but truly give back and have a positive impact.

(Marc Benioff, CEO Salesforce)

In quest’ottica, quattro CEO su Fortune 500 ora concordano sul fatto che la risoluzione dei problemi sociali debba essere parte della loro strategia aziendale principale.

Così, tante altre aziende si muovono verso la ricerca per creare un nuovo impatto sul sistema, come il colosso alimentare Sodexo, che al momento considera i suoi progressi nella riduzione degli sprechi alimentari nel calcolo del suo successo. Il concetto di crescita sta infatti evolvendo: consapevoli delle risorse limitate, le società si spingono alla ricerca di nuove soluzioni tecnologiche per business più snelli. Le società digitali infatti hanno modo di muoversi più velocemente ed evolversi altrettanto velocemente, seguendo l’onda degli eventi, evitando di venirne sopraffatte.

Come accennato il sistema diventerà virtuale. Si pensi a come la nostra stessa concezione di denaro stia cambiando. Una volta, il denaro era inteso nella sua forma fisica, nel suo peso e materiale, mentre ora? La carta e il metallo stanno lasciando spazio a conti online. L’emergenza sanitaria ha accelerato l’evoluzione di questo trend, richiedendo l’implementazione di nuove soluzioni di pagamento. Evolve così la percezione, il rapporto con esso e il modo in cui si concepisce l’utilizzo che si fa del denaro. E tra le opportunità qui intese troviamo il valore che il denaro può portare con sé nella sua forma digitale: informazioni.

Now, in a new wave of change, it’s evolving towards invisible value exchange ecosystems powered by digital – a fundamental shift that enables us to do more than just buy things and opens up a host of new product and service opportunities.

È così che le istituzioni tradizionali evolvono a loro volta. Secondo il report la fiducia nei sistemi bancari legacy è ormai messa in discussione, soprattutto tra i giovani, data l’incapacità degli attori tradizionali di adattarsi alle aspettative dei clienti. In un momento in cui i pagamenti diventano sempre più decentralizzati, le start-up offrono tutti i modi per migliorare le proprie esperienze; si affermano così M-Pesa, Revolut e TransferWise. La più rappresentativa delle innovazioni è Apple Card, un nuovo tipo di carta di credito con software di accompagnamento collegata all’app Wallet di Apple.

In questa ondata digitale le criptovalute non sono inermi: in 15 paesi dell’Africa occidentale è stata  adottata una singola criptovaluta, Eco. Mentre la Cina prevede di lanciare la propria criptovaluta sostenuta dallo stato entro il prossimo anno . Mentre Facebook lavora su Bilancia e annuncia Facebook Pay.

trend

Terzo trend è rappresentato dal “Walking barcodes”. Se ne è parlato con il Covid-19, la questione privacy ha toccato tutti in questi ultimi tempi, ma come si evolve la questione quando si parla di mercato e non più di salute? Dai nostri comportamenti online ai nostri comportamenti fisici, siamo diventati facilmente tracciabili. In particolar modo diveniamo riconoscibili. Ed è il riconoscimento a cui i marchi puntano, attraverso l’uso di tecnologie fondate sull’Iot e Intelligenza Artificiale. Come veri e propri codici a barre diventiamo leggibili, ottenendo così prodotti e servizi sempre più personalizzati. Esempio interessante è il poster realizzato dalla Disney per il film Dumbo: tramite il riconoscimento delle emozioni di chi guardava il poster, la figura cambiava in linea con le espressioni dello spettatore.

In questa ascesa l’Internet of Bodies potrebbe aggiungersi all’Internet of Things, nella realizzazione di pubblicità efficaci. Il 5G sta inoltre potenziando queste tecnologie, fino a collegare più oggetti e persone, creando un mondo interconnesso, frutto della fusione tra digitale e fisico.

I nostri corpi diventano le nostre firme in un sistema smaterializzato, in cui l’acquisto è ormai liquido e l’informazione è veloce. Sono questi i primi tre trends del 2020 secondo Fjord; e gli altri trends? Continua nella seconda parte dell’articolo.


FONTI