L’inquinamento indoor è oggi un problema molto importante ma spesso sottovalutato, si tende infatti a pensare che l’aria all’interno delle nostre case sia pulita e l’inquinamento non possa varcarne la soglia. Clairy nasce proprio con lo scopo di sfatare questo falso mito e depurare l’aria dagli agenti inquinanti. Si tratta di un prodotto che unisce design e tecnologia, un vaso in ceramica con un cuore tecnologico che permette alla pianta di amplificare la sua naturale funzione purificante dell’aria.

L’idea del vaso eco smart prende vita da un progetto di tesi universitaria di Vincenzo Vitiello, che ha avuto l’idea e ha iniziato a realizzare le prime bozze del prodotto. Fin da subito ha collaborato con Alessio D’Andrea, compagno di università alla facoltà di Industrial Design. Da quel momento in poi il prodotto ha iniziato a prendere sempre più forma e i due ragazzi si sono avvalsi della collaborazione di Paolo Ganis, laureato in Menagement e fondatore di alcune startup. L’idea di Clairy si è così concretizzata, diventando un vero e proprio progetto di businnes nel luglio 2015 quando è stata ufficialmente costituita la società con l’obiettivo di lanciare sul mercato un sistema innovativo e ecologico di purificazione naturale per ambienti interni.

A gennaio 2016 Clairy è volato al CES di Las Vegas, la più importante fiera di elettronica e di consumo dove ogni anno vengono presentate novità e trend. In quell’occasione il prodotto è stato selezionato per un programma di accelerazione di tre mesi presso la Plug and Play, nella Silicon Valley in California.
Si tratta di un prodotto il cui design e materiali sono tutti italiani, mentre la tecnologia è stata sviluppata interamente oltre oceano. L’efficacia del prodotto è invece stata testata in Italia, nei laboratori di ricerca LINV di Firenze.

Clary, oltre a purificare l’aria, è in grado di fornire i dati in tempo reale: il vaso intelligente può essere infatti collegato, attraverso un modulo wi-fi, allo smartphone dal quale, attraverso un’applicazione, si possono controllare i livelli di inquinamento, programmare accensione o spegnimento del dispositivo a seconda dei livelli rilevati e monitorare temperatura e umidità presenti nell’ambiente.
Da pochi mesi, Clairy è sul sito Kickstarter con l’obiettivo di raccogliere quanti più fondi possibili per produrre il prodotto e potenziarlo sempre più.

 

CREDITS

Copertina