L’ MTV Music Award for Australia & New Zealand Act è forse insieme a quello europeo uno dei più importanti premi degli MTV Music Awards, suddiviso per generi e non solo (costume, presenza sul palco, ecc. ) e poi per paese di appartenenza dell’artista o della band. Si tratta di un premio che copre praticamente l’intero mondo della musica divenendo, dal “video killed the radio star”, un traguardo essenziale per la carriera degli artisti che si alternano sulla scena. Nello specifico il riconoscimento per Australia e Nuova Zelanda vede un ventaglio di artisti molto popoloso a contendersi l’oro. Ma a noi piace il carattere più giovane e femminile della corsa.

Ogni anno si sussuegono centinaia di nuovi artisti della scena mondiale, con il proprio stile caratteristico che li rende riconoscibili e distinguibili alle orecchie del pubblico. Ciò che nei tempi più recenti si è cominciato a verificare è che risulta più raro trovare invece nel nuovo genere qualcosa che letteralmente non era mai sentito prima.

Kimbra, nome d’arte di Kimbra Lee Johnson incarna perfettamente la nuova generazione di artisti che più si meritano, o meriterebbero, di cavalcare l’onda del successo mondiale attuale. La si conosce per la collaborazione in Somebody that I used to know di Goyte, che con i suoi toni melanconici e suggestivi introduce alla poetica “kimbriana”. Non a caso nel 2012 il singolo With my hands viene inserito nel film d’animazione Frankenweenie di Tim Burton, stesso anno in cui inoltre vince il New Zealand Music Award come miglior artista femiminile oltre ad altri quattro titoli dello stesso premio.

La sua non è solo musica: è emozione e sensazione; psichedelica, dai toni eccentrici, che bene si inserisce nella definizione di “musique expérimentale” e “recherche musicale”. Un miscuglio con gusto raffinato di pop, classic R&B, jazz e rock, una frangetta sbarazzina e due labbra rosse.
Una colonna sonora per l’arte dell’avanguardia, che dietro ad un certo stupore e perplessità custodisce infinito fascino e mistero, un campo ancora piuttosto giovane, che forse proprio per questa ragione stimola un ascolto critico e attento.

“Parlare di musica è come ballare di architettura” ha una volta detto Frank Zappa, nonostante ci si provi continuamente ed ostinatamente, l’unica saoluzione rimane dunque assaggiare con orecchie proprie ciò di cui si è parlato fin’ora. Fino al 28 ottobre sono aperte le votazioni per l’ MTV Music Award for Australia and New Zealand e le istruzioni suggeriscono di godersi tutto ciò che Spotify ha da offrire della discografia di Kimbra e supportarla nel più grande premio per la musica leggera di oggi!

FONTI

Ircam.fr