di Cosimo Bagnai

Il poeta s’isola dal mondo,
è masso con l’aria infinita; un
sussurro dall’oceano,
cogli occhi d’un volatile
trai marosi del cielo.
Nelle vene di sangue
violaceo il Sole che pulsa;
una mattanza di fiori
appassiti, un lago gelato
dal caldo; sinfonia mortuaria
sotto candida veste. Miracolo di
vita sotto una campana nera..
s’isola dalla parola in stasi,
diventa parola in fieri

 

Crediti immagine: foto di copertina di Hossein Zare, pagina personale su 500px (link)