“IMPACTA 3022” – La stagione del Pacta rivolta al futuro

[…] Io mi batto per l’impossibile e chiedo l’assurdo, che la cultura e i suoi luoghi riacquistino un senso. Non più relegati a protesi ma che siano intersezioni profonde, il ‘lievito’ per uno sviluppo sostenibile.
In questo modo il Pacta, teatro del sud Milano, presenta la nuova stagione 2021-2022: IMPACTA 3022. Un titolo accattivante e invitante, ma allo stesso tempo una provocazione per la società e gli spettatori. La stagione si focalizza sul cambiamento e le trasformazioni, senza trascurare però quel bisogno di dialogo e comunicazione, molto evidente in un ambiente comunitario della Milano post Covid. Il titolo è prontamente rivolto al futuro: quale comportamento assumere nella città del cambiamento? Come poter entrare in contatto con essa in modo che l’impatto risulti il più possibile sostenibile? In che modo aprire sportelli di dialogo interculturali, così da generare motivo di arricchimento per la popolazione, con particolare riguardo per le nuove generazioni? Queste sono solo alcune delle innumerevoli domande che scaturiscono naturalmente dal provocatorio titolo della futura stagione.

Stagione 2021/2022: IMPACTA 3022

La nuova stagione teatrale IMPACTA 3022 pone un grande rilievo tematiche scottanti per la città milanese. Gli spettacoli trattano infatti il concetto di trasformazione e adattamento, esplorando a fondo quali potrebbero essere gli scenari di cambiamento aperti nella società contemporanea. Il periodo pandemico, devastante per l’intero settore artistico e culturale, sembra infatti essere lasciato da parte, per accogliere al contrario un universo nuovo e inesplorato. Così, con un calzante riferimento teatrale, la presidente Maria Eugenia D’Aquino cita lo straordinario testo di Amleto. “Ma tocca proprio a me rimetterlo in sesto?”. Di fronte al disordine del mondo Amleto si sente smarrito, non sa come comportarsi e se ne dispera. La sua reazione poco misurata e a tratti incredula viene però accantonata da Pacta. Il teatro immagina infatti una resurrezione, un “rimboccarsi le maniche” per coltivare un futuro migliore dell’oggi.

IMPACTA 3022: la rassegna “giovane” di Pacta

La rassegna di Pacta improntata al futuro vede al centro prima di tutto i giovani. Quest’ultimi sono tuttavia posti in dialogo con numerosi artisti del settore, italiani e stranieri. L’idea è infatti costruire un confronto proficuo tra talenti, uno scambio di idee che permetta lo scaturirsi dell’opera d’arte. A tal proposito appare interessante la Vetrina contemporanea: 11 titoli andranno in scena nell’autunno- inverno e vedranno come protagonisti giovani interpreti, scrittori e registi. Pacta sceglie di avvicinarsi a tale frangia di popolazione anche da un punto di vista linguistico ed espressivo. In effetti parecchi sono gli spettacoli di danza presenti nella stagione, così come le performance di arte figurativa e arti multimediali, raccolte nella rassegna Apriamo le gabbie. Tra le coreografie presenti attinenti prevalentemente al teatrodanza, risultano interessanti My journey with Indian classical dance e Natyamrita- Nettare di danza, due performance di teatrodanza che affondano le radici nella tradizione indiana.

ScienzaInScena e DonneTeatroDiritti: due storiche rassegne

Pacta ripropone inoltre due rassegne, ormai storiche, che si focalizzano su importanti tematiche sociali e culturali. Si tratta di Festival ScienzaInScena Pent-Atto, che vede la quinta edizione. I 7 spettacoli, prodotti in collaborazione con importanti istituzioni scientifiche nazionali, proveranno a divulgare la scienza attraverso il mezzo di comunicazione teatrale. L’intenzione di raccontare un sapere istituzionale resta da anni infatti una delle missioni fondamentali di Pacta.
Accanto a ciò la XII edizione del Progetto DonneTeatroDiritti – cammino, frontiere, bisogni e sogni, che vede 8 titoli in rassegna. Il progetto rende protagoniste le donne e i soggetti più deboli e, attraverso un’analisi storica e prospettica riflette circa tematiche di emancipazione, libertà e uguaglianza. Il progetto, di portata storica per Milano, rinasce dopo la forzata interruzione causata dalla chiusura dei teatri per la pandemia. La futura rassegna propone dunque titoli vecchi e nuovi, portando in scena spettacoli precedentemente offerti al pubblico online.

New Classic, Parapiglia TeatroInFamiglia e PastaSOUNDzone

Pacta ripropone inoltre New Classic, una rassegna di spettacoli dedicati ai grandi autori del teatro. La futura stagione teatrale presenta 5 produzioni: da Pirandello a Elliot, passando per Marivaux e Pinter, ce n’è per tutti i gusti. Il desiderio del teatro milanese resta infatti quello di abbracciare ampiamente le richieste del suo pubblico, offrendo intrattenimento a tutto tondo. Proprio per questa ragione Pacta sceglie per il ’21-’22 di mescolare il teatro a discipline delle arti visive, coinvolgendo in prima persona il pubblico. Oltre agli spettacoli saranno infatti offerti workshop, conferenze, istallazioni, collaborazioni. Non manca inoltre divertimento anche per i più piccoli. Prosegue infatti la rassegna Parapiglia TeatroInFamiglia, che propone spettacoli per bambini nei fine settimana. Infine, per gli appassionati di musica, PactaSOUNDzone: la settima edizione di un progetto, costruito in collaborazione tra Pacta e il progetto ZONE di Maurizio Pisati.

IMPACTA 3022 si prospetta allora una stagione contrassegnata da vitalità e variabilità, energia e impulso alla trasformazione. Quella del teatro è una resurrezione, l’inizio di una nuova era, un tentativo di riemersione dalle tenebre profonde della costrizione. Pacta entra in questo “periodo della resurrezione” in modo esplosivo,

operando in modo inclusivo, perseguendo e sostenendo attività di benessere culturale, fondamentale per recuperare ‘una nuova vita’.

E il resto… è tutto da vedere.
FONTI
CREDITS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *