cinque libri per l'estate - copertina

Cinque libri per l’estate: rilassarsi scoprendo

Le vacanze estive risvegliano spesso, anche in chi durante l’anno sembra non interessarsi di letteratura, la voglia di un buon libro. Sotto l’ombrellone o in una baita di montagna la voglia di leggere e rilassarsi torna. Leggere e rilassarsi dunque le parole d’ordine e noi cercheremo qui di trovare cinque libri per l’estate che uniscano una buona qualità e un impegno di lettura adeguato per un rilassamento garantito.

Io prima di te di Jojo Moyes

Il libro, da cui è anche stato tratto un film con Emilia Clarke e Sam Clafin, è uno dei capolavori dell’autrice Jojo Moyes. Il romanzo narra una storia d’amore con uno sfondo, però, che tocca temi profondi e importanti. Louisa Clarke, una ragazza che ha abbandonato l’università per aiutare la sua famiglia in difficoltà economiche, viene licenziata dal suo lavoro di barista nella sua piccola città. Decide dunque di cercare un nuovo impiego e lo trova presso la ricca famiglia Traynor, come assistente ad personam. Il suo compito esplicito è quello di tenere compagnia a Will, che, dopo un incidente stradale, passa dal condurre una vita spericolata a essere un tetraplegico bloccato su una sedia a rotelle. Il compito vero e proprio, non subito esplicitato, è quello però di cercare di distogliere Will, facendolo innamorare di nuovo della vita, dall’intraprendere la strada della morte assistita. Dopo un inizio burrascoso, soprattutto per il carattere scontroso e asociale di Will, Louisa si applica per trovare attività che possano aiutare Will a riprendere possesso della sua vita, e allo stesso tempo innamorandosi follemente di lui. Il romanzo è ben scritto, ben sviluppato e anche capace di far scendere qualche lacrima.

 

Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro

Il secondo libro proposto è stato vincitore, nel 2017, del premio Nobel per la Letteratura. L’autore, Kazuo Ishiguro, è giapponese, trasferitosi in Inghilterra e ormai completamente anglofono. Il libro è stato da più studiosi definito distopico, in quanto tratta una realtà che condanna alcuni comportamenti umani estremizzandoli. Il racconto parte con la narrazione di Kathy, che retrospettivamente analizza la sua infanzia e fanciullezza in un triangolo amoroso con Tommy e Ruth. I tre giovani vivono in un collegio, Hailsham, e il loro unico scopo è di conservarsi in salute e forza per diventare donatori di organi o badanti, accudendo cioè i donatori. Tra peripezie, lontananze e vicinanze, l’amore tra Kathy e Tommy è forte e, su suggerimento di alunni più anziani, pensano, essendo il loro vero amore, di poter ottenere un’esenzione dalle donazioni per vivere la loro storia più a lungo. Il libro, anche in traduzione, con la narrazione in prima persona, testimone dei fatti, ha una forza struggente e uno stile limpido e caratterizzato da frasi brevi. In più punti è commovente, ma aiuta anche a comprendere temi che trascendono l’amore in un modo comprensibile a tutti.

La maledizione delle ombre di Jean-Christophe Grangé

Per gli amanti del genere giallo e thriller questo romanzo è assolutamente un must. L’autore, già famoso e affermato in questo genere per altri libri di successo, è un mago della suspance e della moltiplicazione di piste. Il romanzo racconta una serie di delitti di giovani donne, con un passato di maltrattamenti e affezionate alla pratica sessuale del bondage. Interessanti anche i continui richiami all’arte, soprattutto quella del pittore spagnolo Goya, che sembrano essere il filo conduttore del modus operandi del serial killer. Nel moltiplicarsi di piste da seguire, come spesso accade, l’autore inserisce anche la vita privata, travagliata, del detective Corso, che spesso è distratto dal caso per motivi personali. Il libro è ottimamente scritto, ben sviluppato nella trama ed è capace di rapirti, intrigarti, tenerti attaccato alle pagine per notti intere.

Espiazione di Ian McEwan

Ian McEwan è sicuramente una delle personalità più importanti e polimorfe della letteratura inglese contemporanea. Nel suo romanzo Espiazione l’autore sperimenta una tecnica narrativa molto originale e che lascia spazio a un finale a sorpresa. La storia è narrata da Briony Tallis, giovane ricca e talentosa scrittrice. Scoprendo che la sorella, Cecilia, e il figlio di una domestica, Robert, finanziato dal padre per continuare gli studi, stanno avendo un rapporto sessuale durante una cena, Birony denuncia Robert per stupro e lo fa incarcerare. Per liberarsi dalla prigione Robert decide di prendere parte alla guerra che si sta espandendo per tutta l’Europa, mentre Birony, sovrastata dai sensi di colpa, decide di dedicarsi alla professione di infermiera a Londra. Il libro è molto interessante perché, sullo sfondo di una sfortunata storia amorosa e sfruttando le vicende dei personaggi, viene descritta la situazione sia al fronte che a Londra durante il secondo conflitto mondiale. Nel finale Cecilia e Robert sembrano avere la possibilità di incontrarsi di nuovo e vivere felici, ma…

Parte del set dell’adattamento cinematografico del romanzo con James McAvoy e Keira Knightley

Nel guscio di Ian McEwan

Come ultimo libro torniamo su McEwan. Il romanzo Nel guscio è capace di intersecare generi diversi per un risultato sensazionale. Da una parte abbiamo un thriller: Trudy, incinta, lascia il suo ex marito John, per vivere con l’amante Claude, fratello di John. I due progettano di uccidere John e noi siamo testimoni di tutti i preparativi grazie al punto di vista del figlio di Trudy, narratore ancora nel grembo materno. Dall’altro abbiamo un vero e proprio romanzo psicologico: durante la narrazione ci sono dei piccoli spazi dedicati a riflessioni condotte dal nascituro. Interessante è dunque sì la storia avvincente, ma anche il punto di vista originale e senza precedenti del bambino non ancora nato, ma già in grado di sentire, pensare, opinare.

Leggere e rilassarsi

Come già detto, tutti i libri consigliati sono adatti per una lettura rilassata, almeno nei loro aspetti più superficiali, ma garantiscono anche un livello di scrittura medio-alto, che può lasciare qualcosa anche dal punto di vista testuale, della forma, delle innovazioni del punto di vista e del focus del racconto. Alcune proposte, inoltre, servono a mettere in luce alcuni testi che, normalmente, vengono scartati perché aprioristicamente considerate difficili, per via degli autori che li scrivono. Anche i classici, a volte, possono essere letture rilassanti!


FONTI

Jojo Meyes, Io prima di te, Milano, Mondadori

Kazuo Ishiguro, Non lasciarmi, Torino, Einaudi

Jean-Christophe Grangé, La maledizione delle ombre, Milano, Garzanti

Ian McEwan, Espiazione, Torino, Einaudi

Ian McEwan, Nel guscio, Torino, Einaudi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo