Voglio catturare l’amore così com’è, e la vasca da bagno è il veicolo ideale per racchiudere la realtà vivente nelle mie immagini… Attualmente sto cercando nuove dimensioni nella fotografia di ritratto sfidando il grande tema dell’umanità, vissuto attraverso l’amore.

Sono queste le parole del giovane artista Haruhiko Kawaguchi. Nato negli anni Settanta a Tokyo, il ragazzo si distingue per le fotografie uniche nel loro genere, perché racchiudono cose e addirittura persone in sottovuoto. Haruhiko Kawaguchi, conosciuto più spesso come il Fotografo Hal, all’università si trova immerso in un nuovo mondo, più grande di lui. Sperimenta attività inedite ma, soprattutto, incontra tantissime persone. Proprio l’avvicinamento a nuove culture lo spinge a cambiare città. Decide di lasciare Tokyo per approfondire la sua conoscenza del Medio Oriente, fino ad arrivare in India. Lì, Haruhiko scopre la sua più grande passione: la fotografia.

Haruhiko Kawaguchi
Haruhiko Kawaguchi
La scoperta della fotografia

Haruhiko ama fotografare, perché tramite la fotocamera può nascondersi. Non è lui il soggetto degli scatti, non è lui al centro dell’attenzione, ed è proprio questo che cerca poiché caratterizzato da una timidezza molto profonda. Ed è grazie alla fotografia che l’artista esordiente riesce a superare questo limite, a oltrepassare il gigante che gli impedisce di conoscere e comunicare con quelle conoscenze universitarie passate. Così, dopo essersi laureato, Haruhiko si occupa di pubblicità. Pubblica infatti parecchi servizi con svariate celebrità, la maggior parte dei quali mira a interpretare la natura umana e i suoi sentimenti più viscerali.

Haruhiko Kawaguchi

I temi più importanti

Gli scatti di Haruhiko sono di un’unicità spettacolare: vasche da bagno, coppie di donne, di uomini, di uomini e donne. Sono questi i temi che l’artista va a sondare, e sono parecchi. Ma in particolar modo si concentra sulle sfide della vita, l’intimità di coppia, l’identità e la comunicazione. Così, uno dei tantissimi esempi possibili è Pinky & Killer, progetto in cui Haruhiko ha immortalato vari momenti di coppia. Questo lavoro è stato poi seguito da Couple Jam, andando a cercare un’intimità ancora più profonda, questa volta all’interno di una vasca da bagno.

Certo, queste fotografie, viste da noi Occidentali, potrebbero lasciarci un po’ perplessi, come se fossero indici di uno stato mentale precario, a metà tra realtà e allucinazione. Invece, gli scatti sono particolari perché vogliono esprimere qualcos’altro. Intendono  portare a galla i molteplici modi con cui si possono esprimere sentimenti, andando oltre i banali limiti imposti dalla società e dalla cultura.

Flesh Love Returns

Nell’ultimo periodo, poi, il fotografo Hal ha lavorato su un progetto molto interessante, intitolato Fresh Love Returns. Qui il giovane artista ha immortalato le coppie in una veste differente, unica: in sottovuoto. Ma non solo, in un luogo importante e funzionale alla nascita e sviluppo della loro storia d’amore. 

Haruhiko Kawaguchi
Haruhiko Kawaguchi, Fresh Love Returns

Ma perché? Perché mai Haruhiko ha costretto coppie di amanti a stare per più di un’ora chiusi in una busta? La risposta del fotografo arriva, e non manca di illuminarci:

Quando abbracci il tuo amato, a volte vuoi scioglierti proprio in lui. Per realizzare questo desiderio, ho fotografato coppie in piccoli spazi angusti. Presto ho raggiunto il punto di fotografare le coppie in confezioni sigillate sottovuoto. Man mano che il mio lavoro si è fatto sempre più intenso, ho notato quanto sia indispensabile la comunicazione, anche e soprattutto non verbale, tra i due. Le coppie sembrano riunirsi, “attaccarsi” fino a raggiungere il limite. Sto cercando la possibilità che possano attaccarsi ancora di più, che possano trascendere il concetto di unione.

Per poter realizzare questi scatti, ovviamente, il processo è tutt’altro che semplice, e l’artista lo ricorda sin da subito:

Prima vado alla ricerca della location e decido l’angolo da cui realizzerò lo scatto. Poi prendo le misure di tutto e compro il materiale in cui verrà avvolta la scena. Viene dapprima sistemato e preparato ogni elemento—la casa, la macchina, l’albero—e per ultima sigillo la coppia, che va fotografata in non più di dieci secondi.

L’impatto degli scatti di Haruhiko Kawaguchi

Foto di questo genere, come già detto, sono abbastanza lontane dall’ottica Occidentale. Tuttavia, l’artista ci insegna a sperimentare, a ricercare nuovi modi per poter raccontare concetti che sono ormai inglobati nella nostra società, e a cui non prestiamo più un’attenta dedizione. A parlare è un messaggio nitido, inedito e un linguaggio che, come le coppie abbracciate negli scatti, ci coinvolge, ci rende partecipi e immersi emotivamente all’interno di questa busta sottovuota.

Per molti, le mie foto simboleggiano la soffocante realtà del matrimonio. È un significato più profondo di quello a cui avevo pensato io. Personalmente, mi interessa fare una cosa semplice, un po’ sciocca, di quelle che farebbe un bambino, ma seriamente.