Per alcune persone, il cambiamento climatico può essere un concetto astratto, soprattutto se vivono in un luogo che non ha ancora subito gravi effetti. L’arte è sicuramente un modo efficace per fornire a tutti una visione di come potrebbe essere il futuro se agiamo, oppure se non facciamo nulla.

TED Countdown – grido di battaglia globale per ridurre della metà le emissioni di gas serra entro il 2030 – ha deciso di parlarne. Ha quindi collaborato con lo studio creativo Fine Acts, senza scopo di lucro, per lanciare dieci opere d’arte pubbliche di TED Fellows lo scorso 10 Ottobre. A un mese di distanza, ecco qui alcune delle opere che sono state esposte.

Il Cairo

Il Cairo è forse meglio conosciuto per le vicine Piramidi di Giza, l’ultima meraviglia sopravvissuta del mondo antico. Ma oggi, all’ombra di una delle più grandi conquiste architettoniche dell’umanità, c’è anche l’enorme problema della gestione dei rifiuti della città. Per evidenziarlo, l’artista e storico Bahia Shehab ha deciso di costruire una piramide con la spazzatura. Esposta per una settimana in un luogo del Cairo, la piramide sfida le persone a ripensare le proprie abitudini di consumo e di spreco.

Come specie, abbiamo costruito monumenti che hanno sconfitto il tempo. Abbiamo progettato civiltà che sognavano l’eternità. Con il cambiamento climatico, questa eternità è ora messa in discussione. Ora è il momento per noi di ripensare alla nostra eredità su questo pianeta. Ci uniremo per costruire un futuro sostenibile per tutti noi o la nostra nuova eredità sarà costituita da piramidi di spazzatura?

New York

Mentre l’innalzamento del mare continua ad avanzare sulle coste, milioni di persone, solo negli Stati Uniti, sono a rischio di sfollamento. Per illustrare questa minaccia l’artista dei nuovi media Matt Kenyon ha progettato due installazioni artistiche inquietanti. Si intitolano TIDE e Cloud  e sono esposte presso Eleven Twenty Projects e Big Orbit Project Space a Buffalo, New York, in mostra fino a dicembre 2020.

Entrambe le opere forniscono una rappresentazione viscerale della prossima crisi abitativa, quando le case perdono il loro valore e le famiglie vengono sfollate a causa delle forze del cambiamento climatico.

Cambiamento climatico

TIDE

TIDE è una piramide di bicchieri di vetro di champagne alta 15 piedi. Ogni coppa contiene una casa in miniatura realizzata con un materiale unico che sembra diventare invisibile quando viene immerso nell’acqua. Questo per simboleggiare le case perse a causa dell’innalzamento delle maree.

Cloud 

Cloud rappresenta l’opportunità in via di estinzione. Una macchina produce forme di casa dalla schiuma di elio. Queste si restringono e crescono di pari passo con le abitazioni in tempo reale e i dati climatici, prima di fluttuare fuori portata nel cielo.

Lo scioglimento dei ghiacciai

Il ghiaccio che scompare nell’Artico e in Antartide può sembrare lontano dall’immaginario di molti, ma non del fotografo Camille Seaman. L’artista ha viaggiato sia al Polo Nord che al Polo Sud, dove ha catturato il ghiaccio in fotografie e video. Tutto questo per mostrarci visceralmente cosa sta succedendo e gli effetti che, dannosi, si muovono verso di noi.

Per farlo combinato alcune delle sue immagini più inquietanti in un breve video. Poi ha chiesto ai residenti di quattro città costiere in tutto il mondo – New York, Tokyo, Amsterdam e Limerick – di proiettare l’opera sui loro muri ed edifici. Ogni video si conclude con una diapositiva della sequenza temporale dell’innalzamento del livello del mare in quella regione entro il 2050. E le conseguenze sono terrificanti, a meno che non venga intrapresa alcuna azione sul cambiamento climatico.

Los Angeles

Los Angeles non è estranea all’impatto del climate change. Negli ultimi anni, la città ha lottato per gestire ondate di caldo, incendi e blackout continui. Per Countdown, l’artista Christine Sun Kim ha svelato un cartellone pubblico sulla 710 Freeway chiamato The Sound of Temperature Rising.

L’illustrazione presenta un grafico di note musicali che diventano progressivamente più lunghe e rosse fino a quando non possiamo più vedere dove finiscono. Si tratta di un appello ad agire sul cambiamento climatico prima che il nostro pianeta raggiunga un punto di svolta irreversibile.

La scomparsa di tante specie

A livello globale, le specie stanno scomparendo a un ritmo senza precedenti. In risposta, l’architetto Mitchell Joachim, il designer Chris Woebken e il biologo Oliver Medvedik hanno collaborato per creare The Anti-Extinction Library nel Brooklyn Navy Yard di New York City, che è stato in mostra fino a ottobre 2020.

La loro libreria a forma di uovo contiene un micro-vault di provette criogenicamente conservate o congelate, riempite con cellule embrionali e DNA di rare forme di vita.

In ogni organismo immagazzinato codificheremo la seguente Carta dei diritti sulla natura nel DNA: Tutti gli esseri umani e non umani nascono o sono creati liberi ed eguali in dignità e diritti. Indipendentemente dallo status giuridico e dai territori, hanno il diritto alla vita e [di] contribuire o prendere parte in qualsiasi forma o forma desiderino in qualsiasi ambiente, naturale, digitale o altro.

L’arte ci sta insegnando e, soprattutto, ricordando come sia fondamentale che ogni individuo faccia la sua parte. Senza pensare che ci sia domani per poterlo fare, perché il futuro è un’incognita e nessuno ha i numeri che soddisfano quest’equazione.


FONTI:

ideas.ted.com