La scoperta del successo grazie al digitale

Negli ultimi vent’anni la storia della musica è stata caratterizzata da un nuovo fenomeno sempre più in espansione: la sua digitalizzazione e smaterializzazione.

È cresciuto sempre di più il numero dei giovani talentosi che riescono a farsi conoscere grazie ai canali social, una via per il successo differente da quelle classiche e ordinarie come il lancio sul mercato musicale da parte delle case discografiche di maggior popolarità. Tutti coloro che aspirano a fare della musica la loro professione hanno più probabilità di fare breccia nel mondo discografico attraverso vie di comunicazione innovative. Queste sono i social network, un mondo ampiamente in espansione, soprattutto tra le nuove generazioni.

Fotogramma del video musicale Baby, Justin Bieber, 2010

Sono numerosi i cantanti che hanno la possibilità di iniziare la propria carriera e di farsi notare da una major attraverso l’utilizzo del proprio canale YouTube. Il caso più eclatante è stato quello di Justin Bieber nel 2009. Uno sconosciuto ragazzo biondo postava sul proprio account di YouTube dei video ripresi con la webcam dove cantava nella sua cameretta, fino a che una etichetta discografica americana trovò interesse nel suo talento e decise di pubblicare il singolo Baby, lanciato nel 2010. Il video ha superato i due miliardi di visualizzazioni e il percorso dell’artista è stato coronato dalla vittoria di premi molto prestigiosi, come gli MTV Europe Music Awards o gli American Music Awards.

Ormai il pubblico dei social ha acquisito potere a tal punto che gli ascolti o le visualizzazioni sulle piattaforme digitali possono fare sì che un personaggio si avvicini al mondo musicale in modo più semplice e diretto, creando un contatto genuino con il pubblico, senza barriere come l’etichetta discografica o il palco durante i concerti.

Un ulteriore esempio lampante è quello dei Pentatonix. Lampante perché producono musica che potrebbe essere considerata, almeno inizialmente, di nicchia, in quanto i Pentatonix sono un gruppo vocale a cappella. Il team è composto da cinque cantanti con voci diverse che insieme ricoprono e rendono possibile riprodurre tutta la cosiddetta scala pentatonica, in modo da realizzare qualsiasi effetto attraverso l’uso esclusivo della voce. La particolarità dei Pentatonix è quella di non limitarsi al canto, ma di creare anche giochi e rumori con la bocca, come il beatbox.

I Pentatonix durante un’esibizione nel talent show Sing Off

Il primo video postato su YouTube ormai otto anni fa, con il quale hanno iniziato a farsi conoscere, è la cover a cappella del brano Telephone di Lady Gaga, che riscosse parecchi esiti positivi. Il gruppo durante questa esibizione è composto solamente da tre cantanti e sarà solo grazie alle audizioni per la terza stagione del talent show americano Sing Off che i componenti diventeranno cinque. I giudici del concorso videro in loro una possibilità di successo altissima, gran talento e innovazione.

Le leggende o sono d’oro o sono di cenere, i Pentatonix saranno assolutamente d’oro

I loro video musicali hanno ricevuto milioni di visualizzazioni, uno dei più affascinanti è quello sull’evoluzione della musica che ne conta 124 milioni. La cover del singolo Hallelujah vanta invece 405 milioni di visualizzazioni. I Pentatonix in questo modo sono passati dai video prodotti in casa, a un vero contratto con una casa discografica che, capendo il loro potenziale, ha deciso di intraprendere un tour di concerti sia in America che in Europa. Inoltre, grazie a questo nuovo canale di comunicazione, è riuscito l’intento di divulgare al pubblico di massa un genere musicale che spesso non viene preso in considerazione e che non appare, purtroppo, tra quelli più in voga. Soprattutto in Italia.

Il gruppo scelto è solo uno dei tanti esempi che potrebbero essere utilizzati per parlare del nuovo sistema di comunicazione che è diventato, in questi anni, normalità. Altre esperienze simili sono state vissute dal cantante britannico Ed Sheeran e dal rapper italiano Fedez. La novità consiste nel dare più rilevanza al mondo social e al mondo di internet. Gli utenti possono scegliere ciò che più piace e se un artista ha la fortuna di trovare un pubblico pronto a sostenerlo in qualsiasi modo sicuramente la sua carriera e le sue possibilità cresceranno velocemente.

Se in precedenza il pubblico era solamente consumatore, ora detta le regole. Si ribalta così il potere. Dalle major ai click sui social.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo