Compagni di Sventura

Un vuoto,

Una voragine nel petto.

Non c’è battito dietro lo sterno.

Non c’è piú niente.

Solo il nulla.

Ho perso l’anima,

Lungo la strada;

Mi trascino come uno zombie.

Vado a caccia di emozioni

Che non ho piú:

Provo a rubare un po’ di vita

Agli altri, come un parassita.

Ma quello che prendo

Non è mai la felicità.

Accumulo solo rabbia,

Paura,

Rancore …

Tutti

Pensano che io sia

Pazza, terribile, crudele.

Mi evitano,

Relegandomi al mio mondo

Di fantasmi e cose spezzate.

Vorrei piangere,

Ma le lacrime non seguono i singhiozzi

E non riesco a respirare,

In tutto questo buio.

 

Allora dal tuo buio

Arrivi tu.

Arrivi per salvarmi, ancora.

Arrivi per salvarmi, sempre.

Mi abbracci,

Compagno di sventura.

Respiro.

E dietro lo sterno di entrambi

C’è una pulsazione.

 


CREDITS

copertina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo