VIA VINCENZO MONTI

S’addicono alle tue sapienti botteghe

gli autunni dorati, agli antichi portoni

malinconiche estati.

 

In fervide primavere puoi fingerti Parigi,

e bianca tingerti delle nevi d’inverno

coprendo la tua memoria.

 

Ancora una volta allora mi domando

dove mai starò andando se la mia vita

continua a tessersi delle tue foglie.

 

I molti chilometri calpestati

assicurerebbero avventurose distanze

se solo fossero più coraggiosi,

 

invece s’arrendono al tuo lastricato

si uniscono ai secoli agonizzanti

della tua storia.

 

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie