Dialogo con se stesso.

-Cammini su un filo da qualche tempo ormai.
Non sei chi eri e il tempo scorre,
non ti parli più e il tempo scorre.

-Non sono chi conoscevo e il tempo scorre
non lo fermo, non lo trovo, non lo vedo.
Potrei dire a me stessa di non correre
ma mi manca già il fiato.
L’animo mi si deve esser perso
in qualche luogo di una non me.

-Come ti salvo?

-Portami indietro, portami alla notte in cui ci siamo conosciuti.
Portami avanti, portami al giorno in cui mi potrò riconoscere.
Lasciami sola, stai con me, vai via, torna qui.

 

credits

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo