Fanta: la storia di una bibita

Numerosi studi e statistiche hanno constatato come la Coca-Cola sia la bevanda più amata e bevuta in tutto il mondo, anche più del caffè. Poi, nel corso degli anni, nacquero numerose altre bibite, con lo scopo di raggiungere lo stesso successo: alcune di queste sono ancora presenti, come la Fanta.

Probabilmente, pochi conoscono la storia di questa bevanda: essa nacque in Germania negli anni ’40, quando, con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, i commerci con gli Stati Uniti si interruppero bruscamente, rendendo così impossibile accedere alla Coca-Cola. Max Keith, il principale imbottigliatore di questa bibita in Germania, tentò di sopperire alla sua mancanza creandone una nuova. Inizialmente, per trovare la miscela vincente, provò a combinare insieme ogni tipo di ingrediente, inclusi la fibra di mela e gli scarti della produzione del formaggio. Alla nuova bevanda venne dato il nome di Fanta, dal termine tedesco Fantasie, “immaginazione”. Il risultato fu poco apprezzato, ma, quando giunse a Napoli per essere imbottigliata, fu prodotta la bibita come la conosciamo noi ora: al gusto di arancia. Grazie al Conte Matarazzo, infatti, furono aggiunte delle arance alla miscela, creando, così, una formula vincente. La Coca-cola acquistò e rispolverò il marchio solo dieci anni dopo la fine della guerra.                                         Fil:Fanta 1500ml.jpg                       

Proprio quest’anno, la Germania, memore di averla inventata, decise di celebrare il 75° anniversario della nascita della Fanta, riproponendone la versione originale. A seguito di numerose proteste, lo spot che la commercializzava fu censurato perché ritenuto offensivo. Recitava, infatti, così: Per festeggiare i 75 anni, torniamo ai bei vecchi tempi con la Fanta classica”. Molti interpretarono questa frase come nostalgia per il nazismo, suscitando polemiche e disapprovazioni, così da costringere la Coca-Cola a ritirare la pubblicità e a scusarsi pubblicamente.

Questa versione della Fanta “aranciata”, nonostante sia la più conosciuta ed apprezzata, non è l’unica in commercio. Oggi, infatti, si può bere la Fanta in 70 gusti diversi, come quello al latte, all’uva, ai fiori di sambuco, etc.

…Non ci resta che provarli tutti!!

 

 

 

 

 

 

 

 

fonti

it.wikipedia.org

www.coca-colaitalia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo