Cantando di versi leggeri

Cantando di versi leggeri

Si sono addormentati i poeti

Tangibilmente fattisi seri

Or dormono sogni discreti

Han la fronte aggrottata

Sembran cullar congetti

Paion di luce assennata

E di ottimi diletti

Ma vola su campi stellati

Il loro cogito errante,

Gli ingegni ipnotizzati

Bianche le penne e le carte.

Sapran dire di meglio

Dei loro avi scoscesi?

Espanderan oltre il baglio

Là sugli orizzonti cremisi?

Su velieri di notte in seno

Di un mare in burrasca

Innanzi l’arcobaleno

Indietro soltanto una lasca.

 

Rosario Dedico.

 

Crediti immagine:

http://it.freeimages.com/photo/bubbles-1-1546072

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo