Gli Oasis in bilico: forse è reunion

I due fratelli Gallagher hanno spezzato anni fa, nel 2009, ogni legame. Ai tempi sembrava la fine ultima degli Oasis, la band inglese protagonista del britpop degli anni Novanta che ha subìto colpi e contraccolpi nel corso degli anni, proprio a causa dei litigi fra i due fratelli. E se quel punto fermo alla band si trasformasse, d’improvviso, in una virgola?

Non è la prima volta che si sparge sul web la vacua notizia di una reunion degli Oasis, ma sembra che questa possibilità sia ora tutt’altro che surreale. Il minore dei Gallagher, Liam, ha infatti rilasciato una lunga intervista alla rivista inglese Q Magazine, in occasione dell’uscita, nel 2017, del suo album da solista. Più volte sostiene di non essere il tipo ideale per i progetti in singolo e che preferirebbe di gran lunga appartenere a un gruppo. Quale gruppo? Ebbene sì, i buoni e vecchi Oasis. Con i Beady Eye, band di Liam scioltasi da poco, non ha funzionato; c’era qualcosa che non tornava e, forse, erano i fan stessi a non volerlo.

Le sue parole incitano il fratello Noel a tentare un tour di ritorno della vecchia band: lo provoca con l’alibi del “facciamolo per i fan!”, tanto «ho ancora le valigie fatte dall’ultima tournée, quindi sono pronto».

L’ex frontman del gruppo è, come suo solito, audace fino al midollo, non contiene le sue speranze e non ha rimpianti. La freccia scoccata da Liam è ancora in attesa di una risposta da parte del fratello, anche se più volte in precedenza Noel aveva dichiarato di non aver tempo materiale da dedicare al pensiero di una reunion.

Probabilmente, questo è solo l’ennesimo sisma che amplia la distanza fra i due fratelli e che perciò rende sempre più lontano il ritorno degli Oasis. I fan si dividono fra chi brama agguerrito una reunion con un nuovo tour e chi, deluso ormai non poche volte, si rassegna e scatena il suo disappunto verso i Gallagher e questo loro equilibrio poco chiaro (specialmente per quanto riguarda Liam, il quale sfrutta il suo account di Twitter per punzecchiare continuamente a suon di insulti dispettosi il fratello, ma allo stesso tempo lo appella per la reunion).

Intanto, preparatevi a festeggiare i vent’anni della band nel 2016, con l’uscita del docufilm diretto da Matt Whitecross sulla vita della band dal 1991 al 1996, i loro anni d’oro. S’intitola Supersonic (ovviamente, ripreso dal nome del brano della band) e uscirà nelle sale italiane il 7 novembre. Le fonti che sostengono una possibile reunion derivano anche da qui, poiché i Gallagher si sono dimostrati molto affettuosi nei confronti del loro successo passato e in qualche modo nostalgici uno della figura dell’altro. Noel dichiara, nel docufilm, la bravura di Liam in quanto cantante e frontman e Liam, a sua volta, elogia il talento da compositore del fratello. Ciononostante, Noel non si è presentato alla prima del film a Londra, a settembre. Anche se sono poche le possibilità di tornare, gli Oasis non rischieranno mai di sparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie