Terrorismo sul lavoro. Per stare sulla barca anneghi gli altri.

Il termine mobbing nasce per indicare l’ atteggiamento di un animale che assale un suo simile per allontanarlo dal branco. Dal punto di vista grammaticale con ”mobile vulgus” si intende ”plebaglia” e nello slang americano ”mobster’’ denota chi appartiene alla malavita ed ha un comportamento violento. Anche oggi si parla di mobbing quando, sul posto di lavoro, si sfrutta la violenza psicologica al fine di ‘’eliminare’’ un collega inducendolo all’ auto-licenziamento.

Il terrorismo psicologico è un metodo di intimidazione basato su una continua pressione psicologica finalizzata a influenzare i comportamenti e le opinioni delle persone. L’ aggressore inizialmente evita di avere un rapporto con quella persona e successivamente condiziona i membri del gruppo al punto che anch’essi sono indotti ad isolare l’individuo. Così facendo il mal capitato diviene il perfetto bersaglio su cui scaricare le colpe dei problemi dell’ufficio o dell’azienda. Il predatore sceglie la sua vittima attentamente: il fragile, taciturno, colui che non si impone e non esprime la propria opinione; in questo modo sarà difficile accorgersi della violenza sia per gli altri colleghi, che vedono le battutine ed ironie come superficiali, e soprattutto per il povero agnello aggredito. Non ci si accorge immediatamente di ciò che succede perché la nostra mente non riesce a sostenere tutta l’ansia che ci viene scaricata addosso ingiustamente e sviluppa dei meccanismi psicologici di difesa che non fanno vedere la realtà che risulta troppo sgradevole.  La belva, al contrario, scarica tutte le sue ansie e frustrazioni in silenzio, giocando sul fatto che la preda pensi sia tutto frutto della sua immaginazione e paranoie, incassando il colpo. E l’ambiente lavorativo diventa invivibile.

o-MOBBING-facebook
http://www.huffingtonpost.it/flavia-zarba/mobbing-il-reato-che-non-esiste-almeno-per-la-corte-di-cassazione_b_7349720.html

La competizione è naturale e legittima in ogni contesto, ma perché si passa dalla volontà di realizzazione personale all’ odio ed al voler fare successo a discapito degli altri? Qui sopra ho usato termini riferiti al mondo animale per definire il ”mobster’’ dato che lo stesso Freud diceva che l’aggressività umana è un aspetto animale che è rimasto a livello inconscio nell’uomo. La convivenza sociale ne ha respinto le pulsioni  ma quando si mette sul piatto della bilancia sé stessi e gli altri, subito l’uomo torna a manifestarsi nella sua crudeltà primitiva: ”Homo homini lupus” (l’uomo è un lupo per l’uomo).

Ad oggi ciò che più spaventa è che queste parole, azioni e comportamenti non sono punite da nessuna legge se non rese evidenti con la violenza fisica, ma feriscono ancora di più ed indelebilmente la coscienza. La vittima ne esce confusa, insicura su quali siano le sue capacità e potenzialità perché ne è stata privata in cambio del senso di colpa. In questi casi è importante avere accanto persone che invece sanno perfettamente quanto valiamo. Dei punti fermi al quale aggrapparci per riavere la spinta necessaria per risalire sulla barca dalla quale si è stati ingiustamente buttati in mare.

animales domésticos
http://enocasionesveoreos.blogspot.it/2012/07/mobbing-o-acoso-laboral-concepto-y.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo