αν ορεξις του αιματος

Ti ho amato

come il figlio ama il padre
il suddito il tiranno
che lo vuole sul patibolo
come il malato
la sua peste
l’anoressica il suo cibo.
Ma è tempo.
E’ tempo che Edipo
uccida Laio.
Per generare,
in un fiotto di sangue
una stirpe di eroi,
una stirpe del sangue.
Polinice non dannato
Antigone non sepolta.
Quattro figli avrò,
nasceranno nel dolore
nelle lacrime di ζοη

Coi tuoi occhi, forse,
occhi di padre vecchio.
Con le sue mani, certo,
mani di uomo
mani che mi proteggono
ci proteggono.

Vedrà in me
una bambina
una sposa
una madre.
Una madre
dai fianchi stretti
dai seni piccoli
che nutrirà
che allatterà
il bambino tanto amato,
del suo latte
del suo sangue,
dal suo sangue generato.

 Anna Parlangeli

 

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie