HAIR: il musical dei figli dei fiori

di Serena Pirozzi

Capelli lunghi, fiori, colori, droghe e tanta musica: sono questi gli ingredienti di Hair, musical degli anni ‘60 nato dalla creatività di due giovani autori, James Rado e Gerome Ragni, che volevano portare sul palcoscenico la controcultura giovanile dell’epoca, in particolare il movimento hippie. I protagonisti principali sono Claude e Berger, personaggi autobiografici, a capo di una tribù hippie, nella città di New York, che vive in pieno gli anni della guerra del Vietnam, condannata dai giovani attraverso canzoni e gesti provocatori. Inizialmente rifiutato dai teatri di Broadway, per i temi troppo scandalosi, il musical debutta al Joseph Papp Public Theater nel 1967.

1-james-rado
James Rado and Gerome Ragni (Fonte: America Pink) – immagine1

La musica scorre veloce e ritmata e i 31 brani che compongono Hair affrontano varie tematiche: il mondo hippie, con l’amore libero e l’uso sconsiderato di droghe, la religione, la guerra e persino testi tratti dall’Amleto e Romeo e Giulietta. Il musical, a parte la critica conservatrice che ne rimase sconvolta soprattutto per la scena di nudo, ebbe grande successo, e canzoni come  Aquarius, Let the Sunshine rimangono ben conosciute ancora oggi.

Nel 1979 Miloš Forman è fautore della trasposizione cinematografica: il film (Hair),  pur essendo tratto dal musical,  pare un prodotto a sé;  ambientazione e periodo storico sono gli stessi, la trama è totalmente stravolta. I brani hanno lo stesso gioco forza e a livello testuale si mantengono fedeli all’originale. Una pecca è l’eccessiva esaltazione degli aspetti più negativi del movimento hippie: l’uso eccessivo di allucinogeni e la precarietà economica, facendo passare in secondo piano i valori positivi e pacifisti tanto sostenuti da Rado e Ragni.

dorsey-wright-annie-golden-treat-williams-y-don-dacus-en-hair
Foto Cinema Hair, 1979, Dorsey Wright, Annie Golden, Treat Williams, Don Dacus – immagine2

Il musical di Hair è considerato il primo vero musical rock mai allestito, rappresenta e riunifica un’intera cultura e lo fa in modo provocatorio, trasgressivo, esilarante e coinvolgente.

Come ho potuto appurare Hair non è certamente uno dei musical più conosciuti, ed è un vero peccato che rimanga in secondo piano rispetto ai classici e moderni rifacimenti di Grease, Dirty Dancing, Cats, per citarne alcuni. Perché, ciò che Hair mette in scena è attuale oggi più che mai: criticare e ironizzare sul razzismo, la discriminazione, la violenza, la guerra, la repressione sessuale, offrendo allo spettatore una visione di quegli anni dal punto di vista dei giovani.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo