Lo sfogo d’un popolano

Popolo stronzo, popolino infame,
Popolo scaltro, coglione e gabbato,
Nobile appari, popolo frustrato,
Nella miseria degli anni di fame.

E quando, invece, sguazzi nel ciarpame
Ritorni grigio, popolo impiegato
Nella parte dell’eroe, o del minorato:
Specchio, specchio del giusto e delle brame!

Ora sei re, ma senza la corona,
Senza parola, e pure senza scettro
E senza faccia per il tuo denaro.

Solo doglianze, nella reggia, suona
Un menestrello che s’è perso il plettro
Nel darti retta, popolino avaro!

 

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo