Lo sfogo d’un popolano

Popolo stronzo, popolino infame,
Popolo scaltro, coglione e gabbato,
Nobile appari, popolo frustrato,
Nella miseria degli anni di fame.

E quando, invece, sguazzi nel ciarpame
Ritorni grigio, popolo impiegato
Nella parte dell’eroe, o del minorato:
Specchio, specchio del giusto e delle brame!

Ora sei re, ma senza la corona,
Senza parola, e pure senza scettro
E senza faccia per il tuo denaro.

Solo doglianze, nella reggia, suona
Un menestrello che s’è perso il plettro
Nel darti retta, popolino avaro!

 

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie