Davide Van De Sfroos: la Synfuniia del Lago di Como

di Federico Lucrezi

Chi non conosce Davide Van De Sfroos non conosce uno degli artisti più originali e interessanti del panorama italiano contemporaneo. Dal primo disco della sua carriera solista, Breva e Tivan nel 1999, Van De Sfroos ha saputo arrivare ad un pubblico sempre più ampio, fino alla partecipazione al 61° Festival di Sanremo nel 2011, con il quale ha raggiunto definitivamente il grande pubblico.

Da sempre tratto distintivo della produzione discografica del cantautore è l’uso della lingua laghee, il dialetto, se così può essere chiamato, del Lago di Como. Ed è proprio nei pressi del Lago che le storie e i personaggi delle canzoni di Davide Van De Sfroos prendono vita, trasportando l’ascoltatore in un vero e proprio universo letterario che ormai ha saputo trascendere le acque del Lario per arrivare al pubblico di tutta la penisola, dalle Dolomiti alle terre aspre della Sardegna.

Caratterizzati da testi spesso ironici e divertenti ma che hanno poco da invidiare ai mostri sacri della musica italiana, i pezzi di Davide Van De Sfroos sono sempre stati potenti e vivi, proposti con gli arrangiamenti più disparati: in forma acustica, scarna, voce e chitarra o impreziositi dagli assoli degli eccellenti musicisti che negli anni lo hanno accompagnato in tour, su tutti il chitarrista Maurizio “Gnola” Glielmo, il violinista Angapiemage Galiano Persico o il polistrumentista Davide “Billa” Brambilla. Decisamente più inusuale è l’esperimento che quest’anno è stato proposto grazie all’intervento del maestro Vito Lo Re, compositore e direttore d’orchestra da sempre grande fan del cantautore lariano, che ha arrangiato una selezione di pezzi per orchestra. Il risultato è Synfuniia, uno spettacolare disco con 14 brani provenienti dalla discografia di Davide Van De Sfroos proposti in una veste inedita che nemmeno lo stesso Davide si sarebbe immaginato. Il folk che per una sera indossa il frac per festeggiare le cinquanta candeline spente l’anno scorso dal cantautore laghee.

I pezzi di Synfuniia sono stati presentati in due serate sold-out agli Arcimboldi di Milano con l’Orchestra Sinfolario nel mese di gennaio e una a maggio a Varese.

Per chi non fosse mai stato ad un concerto di Davide Van De Sfroos è il momento di rimediare! A grande richiesta è stata annunciata una quarta data di Synfuniia, il 28 luglio a Villa Erba, a Cernobbio (CO), un’occasione imperdibile per ascoltare dal vivo alcuni dei pezzi più belli del cantautore laghee accompagnati dall’Orchestra Sinfolario.

E per chi proprio non sopporta le orchestre gli appuntamenti sono comunque tanti: Davide Van De Sfroos sarà in tour tutta l’estate con la giovane band folk Shiver per il Folk Cooperatour, proponendo un’antologia dei migliori pezzi del proprio repertorio in una veste fresca e che allo stesso tempo profuma di ritorno alle origini.

La carne al fuoco è tanta, è l’occasione giusta per conoscere uno degli artisti più eclettici del panorama italiano!

Scià che vèmm!

 


Images: copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo