Mistress America

Di film di formazione non se ne vedono molto spesso, a meno che non si allarghi il concetto iniziando a pensare che ogni storia ha qualcosa da insegnare, a noi ed ai personaggi. Mistress America, il nuovo film di Noah Baumbach, in uscita nelle sale italiane il 14 aprile, fa proprio questo.

La protagonista, infatti, è una solitaria matricola del college, catapultata a New York senza amici, parenti e alcun riferimento. Non c’è da stupirsi, quindi, che Tracy (Lola Kirke), questo il suo nome, non sta avendo né un’emozionante esperienza all’università né vivendo lo stile di vita metropolitano e glamour che si era immaginata. Fortuna vuole che a New york ci sia anche Brooke, la sua futura sorellastra (Greta Gerwig), e Tracy non sarà più così sola. Brooke è tutto ciò che Tracy aveva sempre immaginato dovesse essere una ragazza newyorkese: frizzante, mondana, con un appartamento a Times Square (il cuore pulsante della città che non dorme mai).

Salvata così dallo sconforto, Tracy si ritrova sedotta dai modi folli e affascinanti della sorellastra, tanto che la rende protagonista del suo racconto. E’ come prendere due piccioni con una fava: ha trovato un’amica e compagna d’avventura, e un soggetto talmente interessante, che forse il club di letteratura più esclusivo dell’università accetterà la sua candidatura. Ma non tutto è rose e fiori, il dramma è li che aspetta ad ogni angolo… d’altronde, con una persona così intensa come Brooke, non può che esplodere da un momento all’altro. Però ricordatevi, è un racconto di “formazione”, e se i nostri personaggi devono imparare qualcosa, c’è una buona possibilità che si tratti anche del perdono.

Insomma, Mistress America, ha tutti i requisiti per essere un film divertente, ma dalla storia interessante. Noah Baumbach, regista ma anche sceneggiatore insieme a Greta Gerwig (nel film interpreta Brooke), infatti, è conosciuto per le sue commedie drammatiche, ha collaborato diverse volte con il grande Wes Anderson (Le avventure acquatiche di Steve Zissou e Fantastic Mr. Fox) ed è un riconosciuto sceneggiatore con una candidatura all’Oscar per Il calamaro e la balena del 2005. Anche Greta Gerwig e Lola Kirke, non sono da meno: Greta, attrice, regista e sceneggiatrice, dal 2006 ad oggi è stata perennemente nelle sale con almeno un film all’anno, da Lo stravagante mondo di Greenberg, di Noah Baumbach (2010) a To Rome with Love, di Woody Allen (2012); Lola, invece, è una star emergente, una bravissima attrice conosciuta per il suo ruolo importante nella serie del Amazon Studios, Mozart in the Jungle.


CREDITS

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Mistress America”

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie