Emozione Termica

Di Marco Capozzi

Quanto eran belli

i mattini chiari

coi bianchi vascelli,

su quei caldi mari.

Notti di cristallo

mi abbracciavano

sul letto da ballo

al ritmo del piano:

gli anni ruggenti,

rossi della vita

strappata coi denti

dalla carne viva.

Ora, sono le ombre

glaciali e bianche

a suonar le trombe

del freddo dicembre.

Violini acuti

fendono il cranio

coperto di nubi,

pronte al diluvio.

Tutta la tristezza

del fuoco s’ingrigia:

ora è cenere.

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie