Beathauile

Di Ivan Ferrari

 

L’abbraccio caldo del legno

è coronato di tappezzerie

e cornici librate

colme di coppe,

colline e compagnia.

Un focolare avvampa

della sua folle antichità.

Di pietre e rune

facciamo dimora

alle nostre mani.

 

L’Isola di Smeraldo

scrive nomi su acque

martellate dai venti.

Il suo nome è l’erba

dipinta dalla pioggia

in uno specchio salato

nel Connemara.

I nostri nomi

sono specchi bruni

posati sui boccali.

 

Di campi e teatri

vogliamo cantare!

Un colpo di tacco

schioda dal sonno

l’arcobaleno d’oro

del piccolo popolo.


CREDITS: Cover

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Beathauile”