E’ sempre il mare

Annaspava nei flutti
su quella seta malsana
corrosa da lacrime di fiele

negli occhi scavati la fossa
per quel corpo morto e decomposto
in guerra per la propria pace

Animo prostrato e sommerso
anelano i polmoni l’aria del male
lineamenti macilenti in frantumi

Sei tu, Oh mia Salvezza?
Come Sisifo astuta
la morte la ingannò

 

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie