«Novum», l’ultimo disco dei Procol Harum dopo 14 anni

I Procol Harum tornano in studio e realizzano un nuovo album per celebrare i 50 anni di carriera, iniziata nel lontano 1967 in un’Inghilterra dominata, musicalmente parlando, dai Beatles e dai Rolling Stones.
Novum è il 14° album pubblicato della band, prodotto dall’etichetta Eagle Rock Entertainment, ma soprattutto è il loro primo disco da 14 anni a questa parte, dopo Secrets of the hive, uscito nel 2007 per la Union Square Music.

Passati alla storia grazie ad alcune canzoni molto note e influenti, come A salty dog, A whiter shade of pale e Homburg, i Procol Harum tornano a rivolgersi al grande pubblico grazie ad un disco ben costruito e professionale. Emergono le sonorità tipiche della band, attraverso il filtro della musica rock e psichedelica.

La celebrazione dei 50 anni di carriera passa attraverso un tour, che toccherà anche alcune città italiane: il 6 ottobre i Procol Harum si esibiranno a Milano presso il Teatro Dal Verme, mentre il giorno successivo sarà la volta del Palasport di Pordenone e il 9 saliranno sul palco dell’Auditorium di Roma.
Un’occasione unica per vedere dal vivo una delle band più importanti all’interno dello scenario della musica rock e del progressive.

Dalla canzone d’esordio I told on you fino alla traccia conclusiva Somewhen, i Procol Harum dimostrano di essere ancora in grado di produrre ottima musica, sia dal punto di vista tecnico sia da quello artistico. Il singolo tratto da Novum è Sunday morning, trasmesso per la prima volta dalla BBC il 15 marzo di quest’anno, la cui sonorità non può che far tornare alla mente alcuni dei grandi capolavori della band inglese.

Tracce:

  • I Told On You
  • Last Chance Motel
  • Image Of The Beast
  • Soldier
  • Don’t Get Caught
  • Neighbour
  • Sunday Morning
  • Businessman
  • Can’t Say That
  • The Only One
  • Somewhen

 

fonti: rockolteamrock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo