Via il canguro da Tekken 7: l’ultima follia filoanimalista

di Federico Lucrezi

Gli animalisti, indirettamente questa volta, hanno colpito ancora.

Ma andiamo con ordine.

A giugno uscirà su Play Station 4 e Xbox One il videogioco Tekken 7, il nuovo capitolo della fortunata serie approdata su console per la prima volta nel 1995. Il gioco presenta la classica struttura dei picchiaduro con combattimenti 1 vs 1 tra diversi personaggi. I capitoli della saga, susseguitisi negli anni sulle principali console, hanno visto il progressivo inserimento di nuovi personaggi giocabili. Nel 2004, all’uscita del quinto capitolo della saga, Tekken 5, per la prima volta fa la sua comparsa Roger Jr, un canguro nato da esperimenti sul DNA animale.

Roger Jr è saltato, da buon canguro, agli onori di cronaca in questi giorni per l’annunciata esclusione dal cast di Tekken 7, che non lo vedrà dunque tra i personaggi giocabili.

Le motivazioni di questa scelta sono state chiarite dal game manager Katsuhiro Harada che ha spiegato che in seguito alle polemiche nate lo scorso dicembre in seguito al video di un uomo che, per difendere il proprio cane, colpiva un canguro con un violento pugno sul muso, per cui la Namco casa produttrice del videogioco – ha optato per l’esclusione di Roger Jr dal capitolo in uscita tra poche settimane.

“Pare che negli ultimi anni ci siano molti più animalisti” – ha commentato Harada – “anche se probabilmente non giocherebbero il nostro titolo ne sentirebbero comunque parlare, sentirebbero parlare di un canguro che viene preso a pugni e se ne lamenterebbero”.

Il servilismo sempre più evidente verso i gruppi animalisti, che negli ultimi anni ha di gran lunga superato il limite dell’accettabilità, è arrivato anche a questo punto. E questa volta a farne le spese è stato Roger Jr.

Come spesso succede quando c’è l’animalismo di mezzo, la spiegazione raffazzonata da Katsuhiro Harada appare piuttosto contraddittoria; quando gli viene fatto notare che Kuma Jr, l’orso comparso per la prima volta nel 1997 in Tekken 3, sarà regolarmente nel gioco, il game manager spiega che il problema in questo caso non si pone dal momento che un orso è ovviamente più forte di un essere umano.

Che un canguro non sia forte come un essere umano è tutto da dimostrare, quello che è certo è che se a dicembre nel video a essere preso a pugni fosse stato un orso anziché un canguro c’è da scommettere che le polemiche animaliste sarebbero comunque arrivate puntuali.

Nella vita però è bene essere coerenti e per par condicio ci aspettiamo che qualcuno si mobiliti al più presto anche per fermare lo sterminio di tartarughe nel prossimo capitolo di Super Mario.

 

Foto1 Foto 2

Fonte: eurogamer.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo