Milano si mette alla prova con l’Escape room: nasce Maniac Palace

Negli ultimi anni il pubblico milanese, e non solo, ha cominciato a desiderare nuove avventure per i suoi weekend nel capoluogo lombardo. Proprio nell’ultimo periodo, ha preso piede un nuovo tipo di gioco che intriga e che affascina, un gioco che prevede l’uso del ragionamento, dell’intuizione e anche, perché no, del controllo delle proprie emozioni.
Di cosa stiamo parlando? Semplicemente dell’Escape Room, o meglio ancora “gioco di fuga”.

I giocatori – che sono persone reali – sono rinchiusi in una stanza e come obiettivo finale hanno l’uscirne illesi. Per riuscirci è necessario utilizzare ogni elemento che la stanza contiene e risolvere enigmi e indovinelli; il tutto in un tempo prefissato e stabilito, che solitamente è di 60 minuti.

Tutto questo non è altro che la versione reale dei videogiochi di “Escape the room”, utilizzati soprattutto in ambito team building e psicologia, per rafforzare il rapporto tra colleghi o tra amanti.
Il tutto nasce in Giappone, per poi prendere piede – nel 2006 – in Stati Uniti, Giappone, Taiwan, Canada, Israele e Cina continentale; oltre a tutte queste città, ultimamente, questo nuovo gioco si sta sviluppando nelle più importanti città italiane, tra cui Milano.


Quindi la capitale lombarda si mette al lavoro e cerca di realizzare qualcosa di nuovo e mai visto, e quello che produce è uno strabiliante spettacolo per gli amanti dei giochi che mettono alla prova l’intelligenza. In questi mesi, il Comune ha messo a disposizione uno stabilimento abbandonato, che è stato reso il protagonista della più grande Escape Room in Italia: addirittura un intero palazzo fa da sfondo al rinomato gioco di fuga.

A occuparsi di questo progetto è l’Associazione “Enigma Room”, che attribuisce a questo progetto un nome che rispecchia l’intento: Maniac Palace.

Lo stabilimento si trova in via Giacomo Medici del Vascello 26, non lontano da Rogoredo e tra giochini, indovinelli e trabocchetti bisogna riuscire a fuggire dal palazzo del maniaco il prima possibile – entro un’ora e mezza -.
Come ci si iscrive? È necessario presentarsi in una squadra di minimo dieci componenti e massimo venti, prenotandosi per le 20 o le 22.30 di venerdì, sabato o domenica.
“Divertente ma abbastanza strong” è la definizione degli organizzatori che rivelano qualche dettaglio su questa enorme Escape Room: “Il gioco non è adatto a chi è allergico alla polvere e non è dotato di un sistema di riscaldamento e di condizionamento perché si tratta di un edificio abbandonato. È consigliato abbigliamento con scarpe comode”.
Ami l’adrenalina, l’ansia, lo stress, il poco tempo, i ragionamenti contorti, e anche la sensazione di paura costante? Ecco come sfruttare un bel weekend milanese, in modo del tutto alternativo.
Provateci e fateci sapere!

Fonti
http://ilmilaneseimbruttito.com/2016/12/05/amilano-ha-aperto-lescape-room-piu-grande-ditalia-ecco-tutti-i-dettagli/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie