Maniaco depressivo

Cade
l’angelo ribelle
che afferra Dio,
così vicino a Dio
accecato della sua stessa luce.

Cade
dall’empireo al selciato
una manata di realtà
che strappa i denti
e scheggia le unghie.

Cade
dalla pienezza all’assenza
mano chiusa s’una penna
mano tremula
di pillole e disperazione.

Cade svenato
lo scrittore esangue
dopo litri di sangue
rosso mania
e nero depressione.

Cade di sua mano
vede solo maledizione
nel dono di Dio,
la malattia
e non l’ispirazione.

Sharp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo