A se stesso

Verrà la morte e spegnerà nel nulla
Anche ai tuoi occhi il dolce rammentarsi
Dei miei riflessi nel volto dei versi.
E non varrà lo studio e non le carte
Al sentimento umano; ché la gloria
Non è speranza, in vita, di futuro,
Ma solo vana attesa di obliosa
Impronta in altre voci, e mille croci
Sul correre del tempo tra gli affanni
Del presente, e le piaghe dei nostri anni.
La tela che ho dipinta dentro al petto
E nello schermo del mio ingegno reo
È il mare che mi porta alla tua sponda,
Amante sguardo infermo,
Ed al colposo limitar dell’acqua
E all’infinita vanità dell’onda.

 

credits

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Sbuffo cerca redattori!

Unisciti a noi come associato e comincia il tuo percorso di formazione giornalistica: quattro articoli al mese in una realtà giovane e propositiva, dove sarai affiancato da correttori di bozze e da tanti collaboratori volenterosi di crescere e migliorarsi!

Inviaci il tuo articolo di prova inedito a

info@losbuffo.it

e se vuoi... Aiutaci a spargere la voce!
Grazie