notte

Tre poesie nell’aria della notte

Di Sebastiano Pacchiarotti

Tre poesie ispirate alla notte, di Sebastiano Pacchiarotti, scritte tra il novembre 2015 e l’aprile 2016, accompagnate dal bellissimo Notturno in si bemolle minore di Frédéric Chopin.

1.

Notte arancione, vuota nel piazzale

di grigia palazzina postmoderna.

Vedo una donna che ansima, che sale

neri scalini verso una lucerna.

Vedo nient’altro, solo quella donna

avvolta nella giacca contro il vento,

che sferza i suoi capelli e la colpisce.

Sola nel mondo grigio, che si staglia

e tutta la fa sua, trema e procede:

ombra si fa, strappa la calzamaglia

sul marciapiede, e la sua pelle bianca

lampeggia appena, e subito sparisce.

Nel vuoto si ode un treno che sferraglia.

 

2.

Cartacce morte, tetre marionette

le tira un vento di neve dai vetri;

tra le strade traballa il temporale,

un tempo incerto le fa mulinare,

vergini d’acqua nel vuoto invernale.

Danzano le regine della notte,

fantasmi storti, ammutoliti spettri.

Fruscia l’asfalto; un’anima scompare.

 

3.

Nel piatto sterno della mia pianura

si spiana in lontananza il gracidare

dell’ambulanza gravida di morte.

Tra i fiordi artificiali si cattura

la luna blu talvolta, e le lamiere

raccontano del rito della morte.

 

credits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo