Flaked: il puer aeternus

Il Puer Aeternus, l’eterno bambino, nasce nell’ antichità come un dio bambino. Termine coniato da Ovidio ne Le metamorfosi, indicava, tra gli altri, Iacco, il fanciullo divino, lodato nella sua qualità di puer aeternus per il ruolo che svolge nella celebrazione dei misteri eleusini. Altro esempio più noto, è Eros, divinità eternamente giovane espressione della passione amorosa. Ma il puer è anche un dio della vegetazione e della resurrezione, il dio della giovinezza divina, associabile quindi anche a Tammuz (divinità babilonese), Attis e Adone.

Ma l’eterno bambino, o il cosiddetto bambinone, è molto più noto quando analizzato dal punto di vista psicologico. Provate a fare una ricerca su google e verrete sommersi da articoli di giornali femminili che mettono in guardia dal frequentare, la non tanto mitologica, figura dell’uomo-bambino.

Il puer tipico, conduce una vita totalmente priva d’impegni definitivi, e non si assume responsabilità tipiche della persona adulta. La causa? Paura di rimanere imprigionato in situazioni da cui sarebbe difficile svincolarsi. Egli brama indipendenza e libertà, si irrita davanti a qualsiasi limite e confine. Qualsiasi limitazione è intollerabile.

Gli psicologi analisti sostengono che l’archetipo puerile può portare a problemi psicologici che si manifestano in immaturità, narcisismo e incapacità di sviluppare una prospettiva adulta adeguata alla vita. È associato anche al mito dell’eterna giovinezza che si sposa con l’istinto e la passione caotica e capricciosa. Insomma, è la Sindrome di Peter Pan, popolata da kidult, o adultescent.

Chip è uno di questi man-child, ed è il protagonista di Flaked, una serie originale, creata per Netflix da Will Arnett (che interpreta Chip), insieme al creatore/produttore esecutivo di “Arrested Development”, Mitch Hurwitz.

Chip, ex alcolista, è considerato quasi come un guru nella sua comunità di Venice, Los Angeles. Le donne cadono ai suoi piedi, sa sempre cosa dire e quando dirla. Insomma casca sempre in piedi. Ma le cose non possono andare avanti così, e Chip comincia a perdere traccia delle sue bugie, finché il personaggio pubblico che ha creato non comincia a crollare, pezzo dopo pezzo.


CREDITS

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo