DDL CIRINNA’: AN ITALIAN “GUAZZABUGLIO”

Di Andrea Ancarani

Il 26 febbraio è stato dato il primo dal Senato per il DDL Cirinnà che, brevemente, introduce la possibilità per coppie omosessuali (LGBT) di unirsi un un’istituzione diversa dal matrimonio (il quale come afferma la Costituzione puo’ essere formato solo da una coppia di sesso diverso). Allo stesso tempo tuttavia, garantisce diritti molto simili a quelli delle coppie eterosessuali sposate.

Lasciando per un attimo le considerazioni etiche e ideologiche su questo argomento e le indegne discussioni che hanno avuto luogo in questi giorni  (magari si convogliassero queste energie anche nella discussione di strumenti che hanno e che tutt’ora condizionano il nostro presente come austerity, immigrazione, precariato giovanile e chi più ne ha più ne metta!), tralasciando i litigi che hanno paralizzato il Senato italiano per due settimane, non si possono lasciare in sordina alcun tratti del DDL Cirinnà come l’estensione della reversibilità delle pensioni alle neo coppie omosessuali.

Queste infatti sono nate come prerogativa per le coppie etero dal momento che la reversibilità della pensione (ovvero l’estensione della pensione alla vedova) non è << affatto un “diritto” ma un incentivo alla natalità ideato per rassicurare la madre che puo’ così liberamente dedicarsi alla cura dei figli senza temere di non accumulare contributi rischiando in età anziana e di rimanere vedova e senza pensione.>> Queste le parole del consigliere economico della Lega Nord Claudio Borghi che sottolinea inoltre come, mentre ci si preoccupa di estendere la reversibilità della pensione alle neo-coppie incapaci per motivi ovvi di procreare, si taglino le pensioni “agli esodati che evidentemente hanno la colpa di non avere cantanti pronti a sventolare nastrini per loro” (AGENPARL Roma, 23 febbraio 2016).

Il tema delle pensioni è molto scottante in questi giorni dal momento che il Governo con una delega all’interno della Legge di Stabilità 2016 ha introdotto l’Isee quale parametro per il diritto all’assegno mensile alle pensioni di reversibilità con la conseguenza che queste “quasi sempre appannaggio delle donne, verranno considerate una prestazione assistenziale e non previdenziale” (Il Fatto Quotidiano, 13 febbraio 2016). L’effetto di tale manovra, infatti, rivede il sistema assistenziale snaturando il principio di solidarietà sul quale è costruito il nostro stato sociale dal momento che basta che una donna vedova viva con suo figlio con un piccolo reddito da lavoro per far “saltare” la pensione.

Il problema, tuttavia, è ancora più insidioso dal momento che, in un paese come il nostro che si basa sull’assioma del «pareggio di bilancio», estendere una spesa ad un soggetto vuol dire tagliare e livellare i costi da qualche altra parte rendendo così inutile e puramente discriminatorio l’effetto della riforma. Insomma, pare che sotto la spinta delle piazze, le pressioni ideologiche e populiste da ambo le parti, in Senato si sia volatilizzato il buon senso e la capacità di discernere i capricci dai diritti, mettendo tutto insieme, con un pizzico di sale, matrimoni, pensioni … ed è pronto in tavola!

Images: copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo