Ottobre Rosa: la moda si impegna nella prevenzione del tumore al seno

di Isabella Poretti 

 Ottobre si tinge di rosa per la prevenzione del tumore al seno: inizia questo mese una campagna di sensibilizzazione per individuare e combattere questo tipo di cancro che è il più comune manifestato tra le donne.

Gli eventi del mondo della moda a sostegno di questa iniziativa sono già moltissimi. Si parte con il 3 ottobre al Valmonte Outlet di Roma e l’11 al Palmanova Outlet di Udine dove sarà possibile assistere (e partecipare) alla fashion running: una corsa sui tacchi per ente benefico Pink is Good di Veronesi.

L’associazione via Montenapoleone di Milano, in contemporanea con l’evento all’Outlet di Roma, darà il via all’iniziativa “Lo shopping fa bene alla salute” che consiste nel devolvere il 10% dell’incasso della giornata alla LILT di Milano.

Molte maison, inoltre, daranno il loro personale contributo all’Ottobre Rosa a colpi di sconti: Yamamay dal 5 ottobre metterà il 20% di sconto su alcuni reggiseni della sua collezione, Ralph Lauren il 25% sui prodotti Pink Pony, creati proprio per la lotta contro il cancro.

Inoltre, una testimonial di eccezione darà il volto a questa straordinaria campagna contro il tumore al seno: la bellissima Cara Delevigne. La stilista Stella McCartney, infatti, ha deciso di far indossare alla famosa modella sopracitata, la sua nuova collezione di lingerie rigorosamente rosa in onore dell’Ottobre Rosa. Parte del ricavato proveniente della vendita del completino indossato da Cara (Alina Playing) sarà devoluto al Linda McCartney Centre di Liverpool e al National Breast Cancer Foundation statunitense e australiano.

Images: copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caro lettore, per noi de Lo Sbuffo l'educazione ad un uso consapevole del web è fondamentale. Se puoi, ti chiediamo di dedicare due minuti del tuo tempo alla lettura di questo articolo di Accademia Civica Digitale.

Con la cultura per un web migliore!

Grazie,
Lo Sbuffo