Autore: Maria Bellotto

Dareen Tatour: la poesia che condanna al carcere

Avviso di chiamata: il romanzo d’esordio di Delia Ephron

Critica, Letteratura 1 anno ago

Memorie di un’orsa polare: una favola surreale sulla ricerca della propria identità

Critica, Letteratura 1 anno ago

Se consideri le colpe: quando la maternità è una promessa tradita

Karen Duve: la sostenibilità come stile di vita

Critica, Letteratura 1 anno ago

Federica Bosco e il manuale di sopravvivenza per ipersensibili

Critica, Letteratura 1 anno ago

Le Ragazze di Emma Cline: il fascino malato del culto.

Critica, Dossier, Letteratura 1 anno ago

Super eroine dei fumetti e gender equality: una guerra ancora da vincere.

Critica, Letteratura 1 anno ago

Americanah: il razzismo esiste ancora, ma non ci sono più i razzisti

Critica, Letteratura 1 anno ago

Carnaio di Giulio Cavalli: il centro del mondo che scivola verso l’orrore

Critica, Letteratura 1 anno ago

Di chi è questo cuore: Covacich, Roma e la solitudine

Critica, Letteratura 1 anno ago

Goodreads: i libri migliori viaggiano col passaparola – in rete!

Critica, Letteratura 1 anno ago

Lux di Eleonora Marangoni: tra nostalgie e nuovi inizi

Megan Jayne Crabbe e il potere della Body Positivity

Critica, Letteratura 2 anni ago

Cat Person: problemi di consenso, di potere e l’immancabile #metoo

Critica, Letteratura 2 anni ago

I Ditteri di Marco Visentin: quando la scienza si spinge troppo oltre

Critica, Letteratura 2 anni ago

Il racconto perduto di Sylvia Plath: Mary Ventura and the Ninth Kingdom

Critica, Letteratura 2 anni ago

New York Stories: il mito della Grande Mela in 22 racconti

Critica, Letteratura 2 anni ago

The Testaments: Margaret Atwood annuncia l’attesissimo sequel de Il Racconto dell’Ancella

Critica, Letteratura 2 anni ago

Xenofemminismo, ovvero il femminismo inclusivo di cui avevamo bisogno.

Critica, Letteratura 2 anni ago

In difesa del diritto di leggere qualsiasi cosa. Pennac, Roth e la morte della Letteratura.

Critica, Letteratura 2 anni ago

La campana di vetro: respirando l’aria mefitica del sessismo