O si è un’opera d’arte o la si indossa.

Oscar Wilde 

Comprare abiti di seconda mano non è certo una novità del ventunesimo secolo. Il mercato vintage ha resistito, con alterne fasi di successo, pressoché ininterrottamente. Oggi in particolare sembra godere di una rinnovata popolarità, soprattutto per la crescente consapevolezza dei danni ambientali e sociali provocati dall’industria tessile mondiale.

Con l’onnipresenza dei social media nella vita quotidiana si sono aperte nuove possibilità di commercio. Chi vuole trovare capi unici e sostenibili non è più costretto a una caccia, spesso infruttuosa, nei negozi di seconda mano, ma può comodamente trovare delle vere gemme su Instagram. Alcuni venditori hanno un sito apposito su cui vendono i propri prodotti, altri invece utilizzano piattaforme come Etsy, altri ancora vendono direttamente su Instagram, attraverso i messaggi in direct. Ecco dunque quattro negozi vintage su Instagram da seguire.

Devore Vintage

Non si poteva che partire da questo magnifico negozio di abiti vintage e antichi. Questa perla non è certo da tutti. Devore si specializza in capi d’epoca, dagli anni Quaranta tornando indietro fino alla fine dell’Ottocento. A parte poche eccezioni degli anni Settanta e Sessanta, la maggior parte dei prodotti è d’epoca, ma in ottime condizioni e veramente stupefacente. Da mantelli per l’Opera degli anni Venti a costumi di scena di epoca edoardiana, passando per ventagli di madreperla e piume di struzzo, si trovano dei capolavori di rara bellezza.
I prodotti vengono venduti sul sito del negozio.

Alizée Vintage

Questo negozio ha un ampio ventaglio di prodotti. Buona parte dei capi è di design. Tra una camicia di Lagerfeld e un paio di sandali di Praga c’è spazio anche per capi più datati, come pezzi di lingerie degli anni Cinquanta. Nonostante si tratti di prodotti di seconda mano i prezzi sono relativamente alti, ma considerando i marchi non c’è da stupirsi. Tutti gli abiti, le scarpe e gli accessori sono venduti su Etsy e il negozio offre nuovi arrivi ogni venerdì. 

Nine.co

La particolarità di questo account è la sua modalità di vendita. Tutti i pezzi vengono infatti messi all’asta a partire da cinque dollari australiani. Ognuno può fare la propria offerta o rialzarla nei commenti sotto al post del capo a cui è interessato. Nella descrizione del post, oltre ai dettagli del prodotto, è indicata anche la data e l’ora di chiusura dell’asta.
Rispetto ai negozi precedenti i capi di Nine.co sono più recenti, si va dagli anni Settanta ai primi anni Duemila. 

Eveliina Vintage 

View this post on Instagram

Robes coming soon✨

A post shared by 🌸 Eveliina Vintage 🌸 (@eveliinavintage) on

Se si amano le tinte pastello e le stoffe leggere questo è il negozio perfetto. Specializzato in négligé vintage, Eveliina offre una grandissima quantità di vestaglie di pizzo e camicie da notte di seta dai colori delicati, a volte tinte a mano per ridare loro vivacità. Non si tratta certo di outfit per tutti i giorni, ma con un paio di jeans ci si può anche concedere una blusa vittoriana di pizzo, come quella che Bella Hadid ha acquistato dal sito del negozio. 

Questi sono solo una minima parte degli infiniti negozi vintage che si trovano su Instagram. Come per tutti gli acquisti online è sempre bene stare attenti. Prima di comprare il capo dei propri sogni bisogna informarsi a fondo sul venditore attraverso le recensioni degli altri clienti. Può essere utile seguire gli account per un po’ di tempo e vedere se rendono pubblici i processi di ricerca e cura dei capi in vendita. Di norma quasi tutti i negozi vintage su Instagram hanno delle storie in evidenza con le foto dei clienti con i capi acquistati. Per quanto riguarda il pagamento è sempre meglio tutelarsi usando servizi come PayPal e molti dei negozi più seri accettano pagamenti solo in questa modalità.

Una volta prese queste precauzioni si è liberi di immergersi nello sfavillante mondo dell’abbigliamento vintage e, tra un click e l’altro, perdersi nelle sete e i velluti di epoche passate. 


 

FONTI 

Devore 

Alizée

Eveliina 

 
CREDITS 

Copertina