Nel mondo attuale, i calzini sono un indumento pressoché considerato normale da indossare, ma pare che agli albori della civiltà, precisamente all’epoca degli egizi, questo tipo di indumento veniva usato solo dai soldati, infatti il primo paio di calzini conosciuti sarebbe datato circa tra il 250 e il 420 a.C. Pare che la moda delle calze cominci nel Medioevo, quando i nobili e i principi cominciarono a sfoggiarle in pubblico, il prezzo di questi indumenti era infatti molto alto. La prima macchina da cucire per creare calzini, nasce nel 1589, con William Lee, un uomo che voleva dare una mano alla moglie sarta per farle risparmiare tempo. Nel 1864 la macchina venne migliorata da William Cotton, e successivamente nel 1938 si ha la svolta per questi indumenti con l’arrivo sul mercato del nylon.

Nel maggio del 1940 a New York, in un solo giorno furono venduti circa 70 mila calzini di tutti i tessuti, nylon, lana e qualcuno in cotone. Venivano venduti esclusivamente alti fin sotto il ginocchio mentre con l’arrivo dei pantaloni lunghi per gli uomini cominciarono ad essere abbassati.

Dal ventesimo secolo, esiste una vera e propria città delle calze, in Cina, più precisamente nel distretto di Datang. Nell’arco del ventesimo secolo, calze e calzini sono diventante pezzi importanti anche nella moda. Utilizzati nelle più differenti fantasie da praticamente tutti gli stilisti, hanno dato vita alle combinazioni più stravaganti, come l’accoppiata con i sandali a tacco alto  per l’autunno. Vengono usati calzini ritenuti assolutamente cool e chic, ma senza osare troppo.

Si dica pure che nella moda ci sono poli opposti, chi approva totalmente questi look e chi assolutamente li evita, senza nulla togliere a chi oggi, nel mondo contemporaneo ha una passione sfrenata per le calze, anche al di fuori del mondo della moda.

Milioni di persone nel mondo, oggi indossano e apprezzano calzini dalle fantasie più stravaganti, pois, righe e fiori tra i più tradizionali, fino ad arrivare ad opere d’arte, animali, scritte, se non addirittura fatti personalizzare con foto proprie.

Il mondo di Happysocks

Happy Socks, letteralmente “Calzini felici”, è una linea inglese di intimo sia per donne che per uomo, nata dall’idea di due amici, Mikael Söderlindh e Viktor Tell, che attraverso un design super colorato volevano diffondere la felicità, e per tale scopo, che cosa usare, se non un paio di divertenti calzini in fantasia?

Così la loro avventura inizia nel 2008, quando i calzini si usavano (ancora) solo o bianchi o neri. Oggi questa catena tocca 90 paesi tra tutti i continenti esistenti. Nella loro collezione, una vasta scelta di misure delle calze stesse, dai classici, alla caviglia, i fantasmini o i Crew, quelli a mezza gamba, calzettoni insomma, ma non troppo!

CALZEDONIA

Ovviamente happysocks non è l’unico marchio ad offrire questo tipo di calzini, così fantasiosi e divertenti, anche altri, come per esempio Calzedonia, offrono sul mercato diversi tipi di calzini, sia come misura, sia come fantasie, da un lato molto simpatiche, come per le ciliegie, adatte per una giornata rilassante, o a macchia di leopardo, per giornate impegnative; dall’altra parte, una scelta di fantasie classiche, come pois, righe o quadretti, per giornate più monotone a livello di impegni, ma comunque rese migliori grazie ai colori di questi.

GOLDENPOINT

Anche Goldenpoint. come i precedenti, ha nei suoi negozi una vasta scelta di calzini divertenti, soprattutto raffiguranti cuori, stelline, fiocchetti glitterati di diverse dimensioni, oppure più classici con fantasie floreali, adatte ad ogni occasione della giornata.

Cosa non manca assolutamente a  tutti questi modelli sono i colori e le fantasie, si può trovare di tutto, dalla frutta agli strumenti musicali, disegni da sfoggiare quando si indossano pantaloni leggermente più corti o semplicemente per migliorare la giornata quando si deve andare a lavorare, così da iniziare con una carica di buon umore.