Mi chiamo Dexter e non so che cosa sono. Ma di certo so che c’è qualcosa di oscuro in me… e lo nascondo. Sicuramente non ne parlo, ma… c’è. Sempre. Questo oscuro passeggero. E quando è lui a guidare mi sento… Vivo. Dominato da questo fremito di malvagità assoluta. Non lo combatto, non voglio farlo. È tutto ciò che ho.

Sangue. Giustizia. Rosso. Omicidio. Buio. Luce. Nero. Oscurità. Dexter. Una commistione stridente di elementi. Una macchia rossa su di un muro immacolato. Il fendente di una lama squarcia-coscienza. L’oscurità alla luce del sole.

Trasmessa dal 2006 al 2013 da Showtime, Dexter è una serie televisiva statunitense andata in onda per 8 stagioni e un totale di 96 episodi. Otto anni in grado di ascriverla all’Olimpo delle serie tv, consacrandola come uno dei prodotti televisivi crime di maggior successo e punto di riferimento di genere.

A galleggio tra luce e buio, giustizia e malvagità, la serie narra le gesta di Dexter Morgan. Il protagonista, preciso tecnico forense della polizia di Miami, è in realtà un feroce serial killer. Tranquillo e spietato. Metodico e inarrestabile. Un oscuro passeggero abita il suo corpo e la sua mente; inafferrabile, astuto, calcolatore. Ma Dexter Morgan trascende la banalità del male e eleva la sua condizione dalla bassezza del comune omicidio. Le sue azioni, e il suo coltello, sono guidati dal rigoroso codice insegnatogli dal padre Harry; e le vittime sacrificali vengono selezionate con cura secondo regole fisse e ben precise.

Interpretato da un fenomenale quanto inquietante Michael C.Hall, Dexter Morgan è il perno insanguinato attorno a cui ruota l’intera serie. Ogni momento è visto attraverso gli occhi del killer e mediato dall’oscuro flusso di pensieri che attraversa l’ordinata follia della sua mente. Condannato da un fosco passato di violenza, Dexter è un uomo solo alla ricerca di risposte. I colleghi, gli affetti e le persone che lo circondano sono semplici comparse di una vita di segreti incondivisi e incondivisibili. Un uomo complesso, inesauribile, in costante evoluzione e cambiamento. Un personaggio in grado di trasformarsi e capace di sorprendere chiunque, persino se stesso.

Tutti nascondono quello che sono veramente. A volte seppellisci una parte di te tanto in profondità da dimenticarti che esista e a volte vorresti solo dimenticarti chi sei.

Al suo fianco, sorella e collega al dipartimento, Debra Morgan (Jennifer Carpenter) è indubbiamente il principale comprimario della serie. Determinata, ambiziosa, dolce nelle sue insicurezze. Debra ama Dexter. Un amore fraterno guidato dal senso di sicurezza che solo lui è in grado di offrirle. Una Debra tuttavia all’oscuro della vera natura del fratello, interprete inconsapevole del doppio ruolo di sorella e ostacolo alle attività criminali del killer. Un rapporto affettuoso e al contempo straordinariamente complicato, arricchito da segreti inconfessabili, scheletri nell’armadio e cadaveri.

Debra… La mia sorella adottiva… E’ un po’ sboccata. Ha un gran cuore ma non permette a nessuno di vederlo. Lei è l’unica persona al mondo che mi ami. Ah, penso che sia bello. Io non provo alcun sentimento per nulla ma se riuscissi ad averne qualcuno ne avrei per lei.

La vita quotidiana di Dexter, divisa tra lavoro e omicidio, è inoltre arricchita dal personaggio della sua fidanzata e compagna Rita Bennet. Il personaggio di Julie Benz, madre sola e fragile di due figli, sembra completare alla perfezione il perverso carattere del protagonista. Erroneamente convinta della bontà intrinseca di Dexter, Rita si muove come un agnellino nella tana del lupo. Ma la sua bizzarra e dolce presenza, unita a quella dei due figli, contribuisce in modo importante all’evoluzione del killer e al suo “smussamento”. Un aiuto fondamentale per consentire al Dexter compagno e padre di prendere il sopravvento sull’oscuro passeggero che lo contamina.

Sul fronte professionale sono invece numerosi i colleghi e gli estimatori del Dexter ematologo. Maria LaGuerta, Angel Batista e Vince Masuka affiancano il killer nella quotidianità del suo mestiere, amici inconsapevoli e fidati, ingenui segugi sulle tracce insanguinate di un uomo insospettabile.

Capostipite di una serialità che anela il malvagio, Dexter ripropone una medesima struttura simmetrica all’interno di ciascuna stagione. I 12 episodi succedutisi nel corso degli anni offrono infatti un caso sempre diverso e un nuovo nemico da affrontare.

Una linearità tradita dai movimenti di Dexter, dalle sue azioni, dalle avventure che rischiano di rivelare la sua vera natura. Una linearità impreziosita anche dai frequenti flashback volti a fare luce sul buio opprimente che avvolge il passato del killer.

Acclamata dalla critica internazionale e apripista per capolavori come Breaking Bad, Dexter rappresenta ancora oggi un punto fermo e fondamentale all’interno del moderno panorama televisivo.

Il valore assoluto dei suoi interpreti e una trama intrigante e disturbante sono gli ingredienti che rendono Dexter un vero classico. Un’opera che difficilmente verrà dimenticata. Un inquietante capolavoro crime grondante sangue e falsa giustizia.

Column 1

FONTI

Wikipedia.org

Youtube.com

Column 2

CREDITS

Copertina

Immagine 1