Anno 2020, parola d’ordine: distanza. Nessuno l’avrebbe mai immaginato, eppure l’emergenza sanitaria di questi mesi ha rimodellato completamente le nostre vite e ci ha costretto a fermarci, almeno per il momento. E mentre istituzioni e scienza studiano delle soluzioni per risolvere la crisi e poter tornare alla normalità, anche il mondo dello spettacolo ha cercato, a modo suo, di dare il proprio contributo diffondendo al meglio un messaggio in linea con le direttive imposte dal governo. Dalle iniziative ben pensate ai semplici interventi social, sono molti i personaggi dello spettacolo che hanno cercato di fare la loro parte.

Musica che unisce

Nel panorama dello spettacolo italiano, uno degli eventi di maggior successo è stato Musica che unisce, trasmesso da Rai 1 il 31 marzo: l’iniziativa ha avuto come obiettivo principale quello di sostenere la Protezione civile, impegnata nell’emergenza. Nel corso della serata, vari artisti hanno offerto il loro contributo dalle loro case.

Come suggerisce il titolo, la musica è stata la vera protagonista, ma anche alcuni attori hanno voluto partecipare attivamente. In particolare, tra gli altri sono intervenuti Gigi Proietti, Pierfrancesco Favino, Paola Cortellesi, Luca Zingaretti ed Enrico Brignano che con sketch leggeri hanno saputo dare un sorriso agli spettatori, ricordando a loro modo quanto sia importante rispettare le regole imposte.

Prima e dopo il Virus: parla il cinema italiano

Ma non è finita qui: nonostante il tempo sospeso in cui ci troviamo, le idee continuano a fiorire. In questo periodo infatti, è nato Prima e dopo il Virus: parla il cinema italiano, sviluppata dalla Fondazione Cinema Roma e a cura di Mario Sesti. L’iniziativa ha come obiettivo principale quello di trasmettere testimonianze ed interviste di vari personaggi dello spettacolo italiano, i quali, in questo periodo di stop per tutti, hanno la possibilità di parlare direttamente (anche se a distanza) al pubblico e consigliare libri, film e idee secondo le loro esperienze personali.

Tra i volti noti che hanno deciso di partecipare e dire la loro ci sono Carlo Verdone, Liliana Cavani, Daniele Luchetti e tanti altri. Ognuno di loro potrà condividere con il pubblico i propri pensieri e lasciare per un attimo spazio all’immaginazione e al piacere della cultura. Potete trovare i video caricati finora qui.

L’uso dei social

Oltre alle numerose attività organizzate, molti attori e artisti dello spettacolo hanno pensato di darsi da fare attraverso i social, anche per cercare di arrivare a più persone possibili. E anche molti artisti italiani non si sono tirati indietro. Attraverso un semplice post in tanti hanno voluto trasmettere in questi giorni il messaggio del Ministero, tutti uniti dall’hashtag #iorestoacasa cercando di convincere quante più persone possibili a fare lo stesso. 

Vicini a distanza

Alcuni potrebbero avere dei dubbi sull’utilità di questi interventi, d’altronde perché dovremmo ascoltare una persona che, per quanto famosa, non ha competenze in materia? Le cose andrebbero allo stesso modo anche senza i loro post, magari. Ecco appunto, magari, perché in realtà non lo sappiamo nemmeno noi. La verità è che in questo periodo un semplice post è uno dei pochi strumenti che il mondo dello spettacolo, fermo ormai da oltre un mese, ha a propria disposizione per rimanere in contatto con il pubblico, da sempre la sua fonte di energia principale. 

Allora ci si può provare, grazie anche ai numerosi mezzi di comunicazione che abbiamo a disposizione possiamo accorciare le distanze. Questa quarantena, seppur con le sue difficoltà e i sacrifici a cui ci ha costretto, ci ha però fatto sentire più vicini a quei volti che siamo abituati ad incontrare soltanto sul grande schermo ed in tv e ci ha dato l’occasione di poter imparare qualcosa di nuovo. Anche solo per un attimo, attraverso tutte queste iniziative, la distanza tra noi e i nostri personaggi dello spettacolo preferiti si annulla e ce li ritroviamo a parlarci direttamente dal loro smartphone. Chi l’avrebbe mai detto?

CREDITS:

Copertina