Il mondo dello spettacolo, si sa, è un universo difficile e non apre le sue porte a tutti: spesso è complicato riuscire ad ottenere dei ruoli importanti e la strada per diventare dei VIP a tutto tondo è lunga e tortuosa. Vi sono però dei casi particolari, persone che, solo per la casualità di essere figli di un determinato attore o personaggio famoso, riescono a cavalcare l’onda di successo del genitore e continuare su una strada già tracciata.

Questo ragionamento non può avere però lunga vita: una volta esaurito il potere della scia lasciata dal padre o dalla madre, i figli devono dimostrare il loro talento ed è questa la parte più difficile. Quanti di loro ci riescono? Ecco riassunti i più celebri esempi direttamente da Hollywood.

Esempi di successo

Se chiedessimo a chiunque di citare qualche famiglia con un padre di successo e dei figli famosi, la maggior parte di noi parlerebbe degli Smith: il padre, Will, ha avuto una carriera invidiabile, cimentandosi in vari lavori fin dalla più giovane età. In alcuni dei suoi film però, da bravo padre amorevole, ha saputo ricavare delle piccole parti anche per i suoi figli, nati dal matrimonio con Jada Pinkett-Smith.

Jaden, nato nel 1998, inizia la sua carriera da giovanissimo: ne La ricerca della felicità (2006), all’età di otto anni, è il figlio del protagonista, interpretato dal padre. Un inizio sbalorditivo, considerando che il film ha avuto grande successo. Nel frattempo, raggiunge la celebrità con il film Karate Kid – La leggenda continua, recitando insieme a Jackie Chan. Nel frattempo si dedica anche al mondo della musica collaborando con Justin Bieber nella canzone Never Say Never. Alcuni anni dopo, si ripresenta a fianco del genitore in After Earth – Dopo la fine del mondo.

Oggi, il giovane Smith continua a dedicarsi al mondo del cinema anche senza la presenza del padre: inoltre si è avvicinato anche al mondo della musica insieme alla sorella Willow, accompagnandola nel suo Willow & Erys Tour 2019. Anche lei ha iniziato la sua carriera da giovanissima accanto al padre in Io sono Leggenda del 2007 per poi proseguire in maniera autonoma nel mondo del canto avvicinandosi all’hip hop e al pop.

Ritenta, sarai più fortunato

Jaden e Willow dunque rappresentano tutti quei figli d’arte che, dopo una spinta iniziale del genitore, riescono ad andare avanti grazie al loro talento, senza contare soltanto sul cognome che portano. Per tanti altri però, le cose non vanno così: è il caso delle figlie di Meryl Streep, che hanno cercato di avere successo nel mondo del cinema e della moda imitando la madre, ma senza ottenere il successo che speravano.

Hanno tentato di sfruttare l’aura di celebrità del genitore, ma evidentemente non sono state apprezzate da produttori e registi nonostante abbiano cercato di seguire le orme della madre. Questo sottolinea come il talento non sia legato alla genetica o al nome di famiglia, ma debba essere alimentato anche da una buona dose di predisposizione naturale. 

Tale padre, tale figlio

Vi è poi una terza categoria di figli di personaggi famosi, coloro che hanno dei genitori che cercano di far vivere loro una vita normale e che non cercano di spingerli verso il mondo dello spettacolo. Anzi, evitano ogni tipo di favoritismo nei confronti dei figli, per fare in modo che si guadagnino il successo con le proprie mani.

È il caso di Clint Eastwood e del figlio Scott: prima di approdare sul grande schermo quest’ultimo ha fatto piccoli lavoretti per pagarsi gli studi autonomamente. I primi film in cui compare includono anche il padre, ma il giovane Eastwood ha sempre affermato di aver dovuto affrontare casting e provini per ottenere le parti, venendo a volte rifiutato.

La somiglianza fisica con il padre gli ha permesso di avere un grande successo e continuare la sua carriera in film come Suicide Squad e Fast and Furious 8, seguendo il successo del padre senza mai sfruttare la loro parentela a suo favore.

figli

D’altronde, il mondo di Hollywood è ricco e variegato: esiste anche una buona fetta di figli di celebrità che vive una vita di vizi e agi, grazie anche al sempre maggior successo della professione di influencer. La maggior parte di loro mette in vetrina una quotidianità tutta da invidiare esclusivamente grazie allo stipendio stellare dei genitori, ma non vanno oltre questo o quando ci provano non hanno il successo desiderato.

Essere figli di personaggi famosi può essere una gran fortuna, ma nella maggior parte dei casi occorre dimostrare di avere talento senza l’aiuto di mamma e papà: da figli d’arte a figli di papà è un attimo, ma il destino di molti di loro ci insegna che non è sufficiente portare un nome celebre o vivere in una grande villa se tutto quello che ci appartiene dipende dai nostri genitori.

Essi possono dare la spinta iniziale, ma per avere successo e non vivere per sempre nella loro ombra occorre saper spiccare il volo da soli.