Ad annunciare l’arrivo delle festività non sono più i pandori e i panettoni negli scaffali del supermercato o, almeno, non solo. All’interno dell’ampia offerta natalizia di Netflix, già da novembre è disponibile Let it Snow: Innamorarsi sotto la neve, tratto dall’omonimo romanzo (anche se non in maniera completamente fedele) di John Green, Maureen Johnson e Lauren Myracle. Il film è molto simile alle commedie romantiche natalizie  più conosciute, come Love Actually o L’amore non va in vacanza.

Il film: la magia della neve

L’esordio cinematografico per Luke Snellin riunisce un cast di volti noti al pubblico giovanile: Kiernan Shipka (Le terrificanti avventure di Sabrina), Jacob Batalon (Spider-Man: Homecoming) e la veterana Joan Cusack (Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare).

Siamo nel giorno della vigilia di Natale e ci troviamo nella piccola cittadina di Gracetown, nell’Illinois, completamente ricoperta dalla neve. Tobin cerca di trovare il coraggio per dichiararsi all’amica Angie; Dorrie è alle prese con la sua cotta per la ragazza pon-pon Kerry; Julie è sul treno quando incontra il cantante Stuart; mentre Keon cerca in ogni modo di organizzare un memorabile party natalizio. In questo sfondo di teenagers, l’adulto della situazione è la misteriosa donna alla guida di un carro attrezzi che, sotto il suo strano cappello di carta stagnola, dispensa utili consigli ai vari protagonisti.

Snellin non fa che mettere in risalto i problemi adolescenziali, come l’amore e quella sensazione di avere il peso del mondo addosso tipico dell’adolescenza; la fragilità, il senso di inadeguatezza e la paura del mostrarsi si fanno spazio tra i personaggi del film.

Ma ecco la magia della neve. Tobin finisce per mostrarsi geloso nei confronti di Angie, Dorrie trova il coraggio di azzardare, Julie si lascia travolgere dal turbine di emozioni portando Stuart nella sua vita e Keon decide di organizzare il party proprio nel locale in cui lavora – il Waffle House. 

Quattro storie che si intrecciano tra loro e che si risolvono nel giro di un giorno: dalla mattina alla sera. Un film di basse pretese e per niente “sdolcinato”, volto a mostrare la vita dei ragazzi nella società contemporanea, spingendoli a non rifugiarsi dietro gli schermi degli smartphone. Un finale che, proprio come la neve, travolge lo spettatore amante del: “Vissero felici e contenti”. È la vigilia di Natale e a Gracetown tutti trovano l’amore nella stessa sera. 

Il libro e il film

Il libro si differenzia dal film perché suddiviso in tre racconti. Nella prima parte, la protagonista è Jubilee. I suoi genitori sono usciti di casa per trovare dei pezzi rari al villaggio di Natale di Flobie, dove resteranno coinvolti in una rissa. Jubilee, però, non dovrà passare le vacanze di Natale da sola, bensì con i nonni in Florida. Ma come arrivare in Florida dalla Virginia, proprio nei giorni della peggiore tempesta di neve degli ultimi cinquant’anni? Qualcosa andrà storto e lei sarà costretta a passare il Natale lontano da casa e lontano dai suoi nonni, con un ragazzo che conosce appena. 

Nella seconda parte, Tobin, JP e il Duca (soprannome di Angie) decidono di aspettare il Natale davanti ai film di James Bond. La chiamata di un altro amico darà una svolta alla giornata: Tobin, assieme a un gruppo di amici, decide di avventurarsi nella tormenta per raggiungere il Waffle House, perché quattordici frizzanti cheerleader sono arrivate dopo che il loro treno è rimasto bloccato per via della neve e, a dispetto delle aspettative, a fine serata  Tobin si ritroverà tra le braccia del suo vero amore, la sua vecchia amica Angie.

Nell’ultimo racconto, Addie, mentre si prende cura di un tenero maialino nano, inizia a ripensare ai motivi della chiusura della relazione con Jeb.

L’ambientazione del film è da sogno, un panorama innevato che lascia senza fiato, e i personaggi, diversi tra loro nel carattere ma tutti giovani, freschi e copiosamente innamorati. Amicizie, amori, segni del destino e sogni nel cassetto. Sono questi gli ingredienti di Let it Snow: Innamorarsi sotto la neve. Tutti gli stereotipi americani confezionati in un film zuccherato con buoni sentimenti.  

Leggero e luminoso, Let it Snow è il tipo di film con una trama per certi aspetti debole, ma è il classico racconto di cui abbiamo bisogno per digerire l’infinito pasto natalizio. Tanto rassicurante quanto dimenticabile. Ma chi ha mai chiesto una commedia complicata per Natale?