Matt devi farmi un favore. Vedrai una ragazzina con i capelli castani, spettinati, con tanti nodi; odia pettinarsi. Si chiama Sara. Ti prego potresti dirle che mamma ha trovato la scarpa rossa? Era sotto al letto. Abbracciala forte, dalle un bacio da parte mia e dille che mi manca moltissimo. Dì a Sara che è il mio angelo e che mamma è fiera di lei.
E dille anche che non mollo…

Non lasciatevi ingannare. Non lasciatevi ipnotizzare dallo straordinario comparto tecnico-fotografico della pellicola. Perché Gravity non è un semplice film sullo spazio. Non lo è mai stato e non vuole esserlo. Gravity è una storia d’amore, una storia semplice ma intensa. La storia di una donna, di una madre che vorrebbe soltanto poter riabbracciare sua figlia.

Risultato immagini per gravity film"

Bisogna ammettere una cosa: la vista da qui è unica.

Non basterebbe un articolo per raccontare in maniera soddisfacente della fotografia in grado di commuovere, dell’efficacia e della forza propulsiva di effetti speciali ai limiti dell’incredibile o della regia ispirata di un gigante come Alfonso Cuarón e del suo ormai leggendario piano-sequenza iniziale di tredici minuti. Eppure sarebbe forse tempo sprecato, un impedimento a cogliere il vero significato del film, celato dietro al magico silenzio del vuoto cosmico.
Realizzato nel 2013 e premiato con ben sette statuette, Gravity ci racconta la storia della dottoressa Ryan Stone, esperto ingegnere biomedico che affronta per la prima volta una missione nello spazio.

Assieme a lei sullo Space Shuttle Explorer c’è Matt Kowalsky, egocentrico astronauta ormai prossimo alla pensione e impegnato nell’ultima missione dopo una lunga carriera tra le stelle. Dopo pochi minuti dall’inizio, una violenta ondata di detriti, generatisi in seguito allo scontro tra un satellite e un missile, causa la distruzione della nave spaziale e costringe i personaggi di Sandra Bullock e George Clooney a una piccola odissea cosmica nel tentativo di tornare a casa. È l’inizio di un viaggio lontano dal mondo, eppure così terribilmente vicino all’angoscia che opprime il cuore della dottoressa Stone, la cui triste storia viene ben presto svelata.

Ryan è sola. Nessuno sulla Terra guarda le stelle pensando a lei. La sua unica figlia Sara è morta a quattro anni. Sono bastati pochi secondi. La vita ha perso di significato. A Ryan, colma di amarezza, è rimasta solo la gabbia di un’esistenza senza luce, in cui ogni giorno si rincorre uguale al precedente e le ferite di una madre faticano a rimarginarsi.

Ma il fuoco di Ryan è solo assopito. E La prima scintilla a donargli nuovo vigore scaturisce dalla tragica scomparsa del suo unico compagno di viaggio. A seguito di un ulteriore incidente nei pressi della Stazione Spaziale Internazionale i due protagonisti si ritrovano appesi a un cavo che non può reggere entrambi. E per la seconda volta nella vita, Ryan si ritrova impotente a osservare la morte negli occhi.
A nulla valgono le sue proteste e i suoi tentativi di trattenere l’amico. Matt sceglie di sacrificarsi per permetterle di salvarsi, mentre la sua calma e calda voce ricorda alla dottoressa che tutto questo non è mai dipeso e mai dipenderà da lei.

Non dipende da te. Ce la farai…
Ryan devi imparare a lasciare andare.

Risultato immagini per gravity film"

Rimasta definitivamente sola, Ryan ha un’unica possibilità di salvezza. Deve raggiungere la stazione cinese Tiangong 1 attraverso il veicolo spaziale Sojuz e da lì, con una navetta di salvataggio, fare rotta per la Terra. Il motore del Sojuz però non si attiva e la dottoressa, stremata e affranta, sembra volersi lasciare morire chiudendo l’erogazione dell’ossigeno.
Ryan smette per qualche istante di lottare. Forse chiedendosi se valga davvero la pena continuare a soffrire. Forse sperando di farla finita una volta per tutte e riabbracciare la figlia Sara.
Solo una proiezione di Matt – manifestazione allegorica del subconscio di Ryan – e le sue sagge parole di incoraggiamento riescono a donare nuova linfa vitale alla donna e a suggerirle la soluzione per raggiungere la base cinese.

Che senso ha andare avanti? Che senso ha vivere? Tua figlia è morta, peggio di questo non può capitare. Conta solo quello che farai adesso. Se decidi di vivere dovrai mettercela tutta.
Ehi Ryan… è ora di tornare a casa.

“Comunque andrà a finire non è stata colpa di nessuno…

Non lasciatevi ingannare. Gravity non è un semplice film sullo spazio. Professori, scienziati e numerosi studiosi si sono espressi negativamente nei confronti della pellicola, lamentandosi del mancato rispetto di leggi fisiche o rappresentazioni fasulle del mondo aerospaziale. Probabilmente illudendosi del fatto che una rappresentazione realistica del cosmo fosse il vero obiettivo del regista.
Ma Gravity non è questo. Gravity è la storia di una donna che ha trovato il coraggio di rialzarsi per affrontare quella stessa vita che l’aveva spezzata.

Risultato immagini per gravity film"

… perché in ogni caso sarà stato un grande viaggio”

Ryan ha ritrovato se stessa. È pronta a scrollarsi di dosso il peso di quel paradossale senso di colpa che ha lacerato la sua vita per troppo tempo. È pronta ad abbandonare il vuoto per tornare a casa. Dalla posizione rannicchiata a feto assunta a bordo della stazione internazionale, Ryan è finalmente pronta a rinascere.
Accompagnata dalle epiche note di Steven Price, la dottoressa emerge dalle acque in cui la navetta di salvataggio è atterrata e, stringendo tra le mani la sabbia della riva, si rialza a fatica.

Ryan ricomincia a vivere.