Anche quest’anno Garlasco, cittadina in provincia di Pavia, si tinge di giallo.

Sabato 13 aprile, infatti, si terrà al Teatro Martinetti la finale del premio “La Provincia in giallo“, organizzato dal Rotary Club Cairoli, Club del Distretto 2050. L’intento è quello di premiare il miglior romanzo giallo-noir di lingua italiana, ambientato in un contesto di provincia. Lo scorso anno questo riconoscimento ha portato molta fortuna alla vincitrice Ilaria Tuti, autrice per Longanesi del best-seller ambientato nella provincia udinese Fiori Sopra L’Inferno, di cui è già in cantiere una serie tv.

Partendo da una rosa di quasi settanta titoli, la prestigiosa giura de “La Provincia in giallo” ha selezionato i tre finalisti tra i quali si nasconde il vincitore che verrà decretato sabato pomeriggio alle ore 17. Ciascun finalista ha vinto un premio di 500 euro e per il vincitore il premio in palio verrà raddoppiato.

Scopriamo insieme chi sono i tre finalisti:

Mariolina Venezia, Rione Serra Venerdì, I coralli - DISPONIBILE ANCHE IN EBOOK

Mariolina Venezia con il romanzo Rione Serra Venerdì (Einaudi)Vincitrice del Premio Campiello 2007 con il romanzo Mille anni che sto qui, una saga famigliare ambientata a Matera in un arco temporale più lungo di un secolo, Venezia gareggia con il terzo capitolo della serie cominciata nel 2009 e interamente incentrata intorno alla figura di Imma Tataranni, PM della provincia materana e donna talmente caparbia da essersi imposta oltre il perimetro del singolo romanzo auto-conclusivo. Imma Tataranni, i casi che deve risolvere e la sua Basilicata diventeranno presto una serie tv in sei episodi per Rai Uno, dove la protagonista sarà interpretata dall’attrice Vanessa Scalera. I gialli di Mariolina Venezia non solo accompagnano il lettore nella risoluzione delle varie indagini descritte, ma lo guidano anche alla scoperta della storia di una regione che ha subito innumerevoli lacerazioni e il giogo della cosiddetta “questione meridionale”.

Raul Montanari con il romanzo La Vita Finora (Baldini + Castoldi): autore di quindici romanzi, usciti per i più importanti editori italiani, tra cui Einaudi e Feltrinelli, Montanari arriva a Garlasco con un romanzo che affronta la tematica del bullismo nell’era dei social network. La Vita Finora racconta, infatti, di un professore alle prese con un allievo totalmente “impossessato” dalla tirannia della tecnologia.  ll padre del post-noir – e vincitore, tra l’altro, del Premio Strega Giovani 2011 – si conferma ancora una volta maestro indiscusso nel sapere architettare affari irrisolti e situazioni tesissime. Ambientato in uno sperduto paese di provincia, il romanzo tematizza inoltre il gap che intercorre tra due generazioni che sembrano stare agli antipodi.

C'era il mare - Fulvio ErvasFulvio Ervas con il romanzo C’era il mare (Marcos y Marcos): Ambientato tra Treviso e MargheraC’era il Mare si presenta come un romanzo giallo a due filoni: Stucky (protagonista di diverse opere dello stesso autore) e Luisa Bertelli indagano su due piste diverse e in due paesi diversi. Presto, però, un uomo verrà trovato morto proprio a metà strada tra Marghera e Treviso, permettendo alle due piste e ai due filoni narrativi di intrecciarsi inestricabilmente. E così i due agenti risolvono il mistero, che scopriremo avere molto a che fare con la nostra civiltà. Ervas prende parte al concorso affidandosi alle mani amiche del suo Stucky.

Questi sono i tre finalisti del Premio “Provincia in giallo”, che verranno giudicati da una prestigiosa giuria di esperti capitanata da Mino Milani, celebre scrittore e giornalista pavese. Al suo fianco ci saranno Bianca Garavelli, critica letteraria e dantista; Andrea Maggi, docente di italiano e latino, divenuto celebre per il suo ruolo di insegnante all’interno della trasmissione televisiva di Rai Due, Il collegio, e gli scrittori Giuliano Pasini e Flavio Santi, rispettivamente blogger e traduttore.

Non ci resta che invitarvi alla serata conclusiva, dove non solo verrà premiato il migliore tra questi tre libri, ma anche dove sarà possibile trascorrere un tardo pomeriggio immersi nelle atmosfere intriganti della provincia colorata di giallo.